FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La Corte di Giustizia Ue: "Il taglio dello stipendio equivale al licenziamento"

Per i giudici il rifiuto del dipendente di accettare la modifica unilaterale non rappresenta una giusta causa per la risoluzione del contratto

La Corte di Giustizia Ue: "Il taglio dello stipendio equivale al licenziamento"

Rifiutare una consistente riduzione del proprio stipendio non costituisce giusta causa di risoluzione di un contratto di lavoro. Lo ha stabilito la Corte di Giustizia Ue. "Il fatto che un datore di lavoro proceda, unilateralmente e a svantaggio del lavoratore, a una modifica sostanziale degli elementi essenziali del contratto per ragioni non inerenti al lavoratore stesso rientra nella nozione di licenziamento", spiegano i giudici.

"La risoluzione di un contratto di lavoro in seguito al rifiuto del lavoratore di acconsentire alla modifica costituisce un licenziamento ai sensi della direttiva sui licenziamenti collettivi", scrive ancora la Corte.

La vicenda - La Corte di Gisutizia Ue era stata chiamata a esprimere un giudizio sul caso di un dipendente spagnolo di un'azienda che aveva chiuso numerosi contratti di lavoro per motivi e con modalità differenti. Il lavoratore chiedeva l'applicazione della legge sui licenziamenti collettivi che l'azienda invece negava, avendo chiuso dei contratti anche con il consenso di alcuni dipendenti.

Tra questi, una lavoratrice aveva acconsentito alla risoluzione consensuale dopo aver rifiutato una decurtazione dello stipendio del 25%. Ma, scrive la Corte, in questo caso la cessazione del rapporto di lavoro "è imputabile alla modifica unilaterale apportata dal datore di lavoro a un elemento sostanziale del contratto per ragioni non inerenti alla persona della lavoratrice stessa. Tale cessazione -conclude la Corte -. costituisce quindi un licenziamento".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali