FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Manovra, lʼUe boccia lʼItalia: "Squilibri eccessivi, non aiuta la crescita" | La replica di Conte: "Misure non recessive"

Parere negativo di Bruxelles su Quota 100, ma occhi puntati anche sul reddito di cittadinanza: "Monitorare lʼimpatto sullʼoccupazione". Di Maio risponde: "Non blocchiamo la crescita, norme contro la crisi"

"La Manovra italiana include misure che rovesciano elementi di importanti riforme fatte in precedenza, in particolare sulle pensioni, e non include misure efficaci per aumentare il potenziale di crescita". Lo scrive la Commissione Ue nel Country Report sull'Italia. Per il vicepresidente Dombrovskis la situazione "è preoccupante". Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte replica: "Le nostre misure non sono recessive, ne siamo convinti".

L'Ue punta gli occhi puntati anche sul reddito di cittadinanza: "Bisogna guardare all'impatto sui conti, ma monitoriamo l'impatto che avrà sull'occupazione", ha affermato il commissario europeo al Lavoro, Marianne Thyssen. Secondo Bruxelles, il Paese ha ancora squilibri economici "eccessivi". Dombrovskis ha chiarito che "il debito non scende a causa dei piani economici deboli del governo" e che "in generale lo slancio delle riforme si è fermato". Vanno "migliorate le finanze pubbliche, l'efficienza della pubblica amministrazione e del sistema giudiziario, e rafforzato il sistema finanziario".

"Pochi progressi rispetto allo scorso anno" - Nel documento si legge che l'Italia ha realizzato "un progresso limitato nel rispondere alle raccomandazioni specifiche per il Paese del 2018". Alcuni progressi si sono osservati nella lotta alla corruzione, mentre non c'è stato alcun passo avanti nello "spostare la tassazione dai fattori produttivi, rivedere le spese fiscale e riformare i valori catastale", oltre che nel "ridurre la quota delle pensioni di anzianità nella spesa pubblica", "ridurre la durata dei processi di giustizia civile" e "affrontare le restrizioni alla concorrenza".

Le preoccupazioni sul reddito di cittadinanza - I timori di Bruxelles riguardano anche il reddito di cittadinanza. "Bisogna guardare all'impatto sui conti, il costo sembra molto alto, 0,45% del Pil, che per l'Italia è molto, e bisogna quindi capire se è sostenibile", ha spiegato la commissaria Ue al lavoro, Marianne Thyssen. "Un altro impatto da monitorare è sull'occupazione", visto che "le politiche del lavoro restano deboli in Italia". "Monitoriamo cosa succede e come viene introdotto", ha concluso, evidenziando che se il provvedimento sostituirà interamente il reddito di inclusione, "avrà implicazioni sull'uso del fondo sociale" e quindi "andrà ridiscusso".

Conte: "Promuoviamo la crescita e l'equità sociale" - Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha replicato che le "misure della Manovra non sono recessive, ne siamo convinti". "Intendiamo promuovere la crescita ma anche l'equità sociale - ha aggiunto -, valori altrettanto importanti della crescita del Pil". "Non ci divertiamo a fare cabina di regia su Investi Italia, Proteggi Italia, non sono esercizi di maniera: sono tutti strumenti per la crescita del Paese", ha sottolineato.

Di Maio: "Non blocchiamo la crescita" - "Non credo che le nostre misure stiano bloccando la crescita", ha risposto anche il vicepremier Luigi Di Maio. Gli interventi del governo "servono ad uscire da uno stato di crisi nel quale si trova l'Unione europea". "Noi siamo al governo da otto mesi e abbiamo davanti quattro anni di governo che devono servire a rafforzare la produzione italiana proprio per evitare che in momenti di incertezza europea l'Italia non resti schiacciata".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali