FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Istat: "La disoccupazione cala al 10,4%, quella giovanile al 30,8%"

LʼIstituto nazionale di statistica rileva anche lʼaumento degli inattivi con una crescita dello 0,7% (pari a 89mila unità in più) rispetto a giugno. A luglio -28mila occupati, giù donne e stabili

Istat: "La disoccupazione cala al 10,4%, quella giovanile al 30,8%"

Il tasso di disoccupazione scende a luglio al 10,4%, con un calo di 0,4 punti percentuali rispetto a giugno, tornando ai livelli di marzo 2012. Lo comunica l'Istat precisando che è in calo anche la disoccupazione giovanile, scesa il mese scorso al 30,8% (-1,0 punti), al minimo da ottobre 2011. L'Istituto nazionale di statistica rileva però l'aumento degli inattivi con una crescita dello 0,7% (pari a 89mila unità in più) rispetto a giugno.

Dopo l'aumento di giugno, a luglio la stima delle persone in cerca di occupazione diminuisce del 4% (-113mila). Il calo della disoccupazione riguarda entrambi i generi e tutte le classi di età.

A luglio -28mila occupati - Dopo il calo di giugno, la stima degli occupati a luglio 2018 registra un'ulteriore lieve flessione (-0,1% su base mensile, pari a -28mila unità). Il tasso di occupazione rimane invece stabile al 58,7%. Secondo l'Istat, il calo rispetto al mese precedente è interamente determinato dalla componente femminile e si concentra tra le persone di 15-49 anni, mentre risultano in aumento gli occupati ultracinquantenni. Nell'ultimo mese si registra una flessione per i dipendenti permanenti (-44mila), mentre crescono in misura contenuta i dipendenti a termine e gli indipendenti (entrambi +8 mila).

A Luglio inattivi crescono dello 0,7% - A fronte del calo degli occupati e dei disoccupati, a luglio si stima un aumento degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (+0,7%, pari a +89mila). L'incremento coinvolge le donne (+73mila) e gli uomini (+16mila) e si distribuisce tra i 15-49enni. Il tasso di inattività sale al 34,3% (+0,3 punti percentuali).

Crescita degli occupati nel trimestre maggio-luglio - Nonostante la flessione registrata negli ultimi due mesi, nel trimestre maggio-luglio 2018 si stima una consistente crescita degli occupati (+0,7% rispetto al trimestre precedente, pari a +151mila). L'aumento interessa entrambe le componenti di genere e tutte le classi di età pur concentrandosi principalmente tra gli ultracinquantenni (+123mila). Crescono nel trimestre i lavoratori a termine (+113mila) e gli indipendenti (+54mila) mentre registrano un lieve calo i dipendenti permanenti (-16mila). Alla crescita degli occupati nel trimestre si accompagna il calo dei disoccupati (-3,1%, pari a -88mila) e quello degli inattivi (-0,5%, -67mila).

Occupazione cresce dell'1,2% su base annua - Su base annua, a luglio l'occupazione cresce dell'1,2%, pari a +277mila unità. L'espansione interessa uomini e donne e si concentra tra i lavoratori a termine (+336mila). In ripresa anche gli indipendenti (+63mila), mentre calano in misura rilevante i dipendenti permanenti (-122mila). Crescono soprattutto gli occupati ultracinquantenni (+381mila) e i 15-34enni (+42mila) mentre calano gli occupati tra i 35 e i 49 anni (-146mila). Al netto della componente demografica si stima un segno positivo per l'occupazione in tutte le classi di età. Nei dodici mesi, a fronte della crescita degli occupati si rileva il calo dei disoccupati (-9,1%, pari a -271mila) e degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,7%, -92mila).

Ad agosto inflazione sale all'1,7% su base annua - Nel mese di agosto il tasso di inflazione è salito all'1,7% contro l'1,5% di luglio. L'Istat precisa che su base mensile i prezzi sono aumentati dello 0,5%. L'accelerazione dell'inflazione si deve soprattutto ai servizi di trasporto, il cui tasso passa dal +1,7% di luglio al +2,9% del mese in corso. L'indice Ipca che tiene conto dei saldi segna ad agosto un calo dello 0,1% su base mensile e un aumento dell'1,7% su base annua. La diminuzione su base congiunturale dell'Ipca è dovuta ai saldi stagionali di Abbigliamento e calzature, dei quali il Nic non tiene conto e che neutralizzano gli aumenti registrati da altre categorie merceologiche.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali