FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Imprese del commercio e del turismo: nel terzo trimestre aumentano i fallimenti

Stando all’Osservatorio Cribis D&B per Confesercenti si è però registrato anche un calo delle imprese in grave ritardo nei pagamenti

Imprese del commercio e del turismo: nel terzo trimestre aumentano i fallimenti

La buona notizia è che nel terzo trimestre de 2015 le dinamiche dei pagamenti nel commercio e nel turismo hanno riportato dei lievi miglioramenti rispetto allo scorso anno, la cattiva è che, mentre nel secondo trimestre il numero di fallimenti aveva riportato un calo tendenziale, nel terzo trimestre il Crif ha registrato un nuovo aumento.

Guardando le tabelle dell'Osservatorio Cribis D&B per Confesercenti si nota, infatti, come nel periodo aprile-giugno 2015 si sia verificato il primo calo tendenziale dal 2009, dai 789 fallimenti del secondo trimestre del 2014 ai 656 del medesimo periodo del 2015. Nel trimestre seguente, luglio-settembre, il dato ha però riportato nuovamente un aumento: dalle 502 procedure fallimentari del terzo trimestre del 2014 alle 530 di quest'anno.

Nonostante ciò, l'andamento dei primi nove mesi dell'anno mostra un calo dei fallimenti rispetto allo stesso periodo del 2014. Tra gennaio e settembre 2015 hanno, infatti, chiuso i battenti sette imprese del commercio e del turismo al giorno, per un totale di 1.864, contro i 1.934 fallimenti registrati nei primi nove mesi dello scorso anno.

Il dettaglio regionale mostra come la quota maggiore, sul totale dei fallimenti dei primi tre trimestri, sia detenuta dalla Lombardia, con 283 imprese fallite (il 15,1% del totale). Seguono il Lazio con 252 (il 13,5% del totale), la Campania con 2012 (11,4%), la Sicilia con 155 (8,3%) e la Toscana con 149 (8%).

Se si considera però l'incidenza delle imprese fallite sul totale delle imprese del commercio e del turismo, la Regione peggiore in questo senso è l'Umbria con 2,6 fallimenti ogni mille imprese, seguono la Lombardia con 2,1 e il Lazio con 2,1. Le migliori tre risultano essere invece il Molise (con 0,8 su mille), la Basilicata (con 1,06) e la Sardegna (con 1,15).

Appare invece migliore, come anticipato, la dinamica dei pagamenti. Per quanto riguarda le imprese del commercio che hanno saldato con un grave ritardo, quindi oltre i 30 giorni dalla data di scadenza, il dato ha riportato un -1,1% rispetto al secondo trimestre (dal 24,2% al 23,1%).

Andamento simile ha interessato anche le imprese del turismo. Tra il secondo e il terzo trimestre le aziende che hanno riportato ritardi gravi nei pagamenti sono scese dell'1% (dal 32,7% al 31,7%).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali