FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il governo lavora al dl "Salva banche" per evitare il bail-in europeo

Domenica si riunirà il Consiglio dei ministri. Le banche commissariate sono quattro: serviranno almeno due miliardi di euro

Il governo lavora al dl "Salva banche" per evitare il bail-in europeo

Con il decreto "Salva banche" il governo accelera per salvare i quattro istituti commissariati ed evitare che il bail-in europeo che entra in vigore a gennaio imponga perdite agli azionisti e ai correntisti con depositi sopra i 100mila euro. L'Italia punta su un fondo finanziato dal sistema creditizio per il salvataggio delle banche in amministrazione straordinaria, per la quale serviranno almeno due miliardi di euro. Domenica si riunisce il Cdm.

Il dossier sbarca al Consiglio dei ministri di domenica, convocato formalmente per il "taglia-decreti". A finanziare la dotazione del fondo - spiegano fonti finanziarie - sarà lo stesso sistema creditizio. Almeno nel suo primo banco di prova, quello per il salvataggio delle banche commissariate: Banca Marche, Banca popolare dell'Etruria e Lazio e delle casse di Chieti e Ferrara. Anche se le regole del Meccanismo unico europeo per gestire i fallimenti bancari, da gennaio, prevedono un Fondo europeo garantito, almeno inizialmente, dai governi.

Per rendere compatibile il fondo italiano con il quadro legislativo del nuovo Meccanismo unico di risoluzione bancaria targato Ue, ed evitare di incorrere nella tagliola del bail-in, secondo le fonti sarebbe necessario l'"intervento normativo" atteso dal cdm di domenica pomeriggio.

In ballo c'è anche la montagna di 200 miliardi di euro di crediti in sofferenza, per mesi oggetto di una lunga trattativa con l'Ue sul tema della bad bank. Facendo leva sulla tempistica antecedente al bail-in, si punta su un meccanismo che consenta di separare sofferenze o crediti deteriorati dal bilancio delle banche riuscendo comunque ad evitare le perdite ai creditori privati della banca.

Resta da vedere la presa di posizione di Bruxelles su questa nuova soluzione dopo che i rilievi della Commissione Ue (che sospettava aiuti di Stato) hanno fatto accantonare l'ipotesi, circolata fino a ieri, di utilizzare il fondo di tutela dei depositi. Ma i contatti fra il Tesoro e l'Ue, intensi negli ultimi giorni, lasciano pensare che la Commissione sia stata ampiamente coinvolta.

Lo stesso dossier-banche in mano al governo include il tema dei crediti d'imposta che contribuiscono, in alcuni casi significativamente e non solo in Italia, al capitale. Un meccanismo sul quale la stessa Bce ha sollevato alcune perplessità. La Commissione europea potrebbe "censurare" il meccanismo in assenza di redditività futura d'impresa e il taglio dell'Ires comporta probabili svalutazioni sul capitale. Sul tavolo dell'esecutivo vi sarebbero alcune proposte: secondo fonti vicine al dossier, tuttavia, non è certo che vengano esaminate domenica.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali