FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Esportazioni extra-Ue di nuovo in frenata a ottobre

Le vendite verso la Cina recuperano lievemente (+1,8%), ma è da maggio 2014 che scendono quelle verso la Russia

Esportazioni extra-Ue di nuovo in frenata a ottobre

Dopo il pesante -8,3% registrato ad agosto su luglio, a settembre le vendite italiane verso i Paesi al di fuori dell'Unione europea sembrava fossero tornate in territorio positivo (+5,2%), eppure a ottobre le esportazioni extra-Ue hanno registrato una nuova battuta d'arresto.

Stando alle ultime rilevazioni dell'Istituto nazionale di statistica, infatti, nel decimo mese dell'anno le vendite verso i Paesi al di fuori dell'Europa hanno riportato un -1,7% sul mese precedente. In calo anche il dato tendenziale che conferma l'andamento dei due mesi precedenti: -4,5% a ottobre 2015 sullo steso mese del 2014, -2% a settembre e -3,2% ad agosto. Stiamo parlando di una serie negativa che, a livello tendenziale, non si verificava da gennaio (quando l'Istat indicò un -3,6% al quale seguirono sei mesi di segno “più”).

Osservando gli scambi con i principali partner commerciali si nota come le flessioni maggiori abbiano interessato i Paesi dell'area Mercosur, -33,9%; l'area Opec, -11,6%; e l'area Asean, -7,7%. Particolarmente sostenuta la contrazione delle vendite verso la Russia, -20,6%, verso la quale le vendite sono in calo dal maggio del 2014, e verso la Turchia, -8,6%.

Dalle rilevazioni emerge poi un lieve recupero delle vendite verso la Cina, +1,8%, mentre si confermano primo partner commerciale gli Stati Unti con una crescita del 3,3%. Ben anche le esportazioni verso il Giappone che crescono del 2,4%.

Per quanto riguarda invece i prodotti, i calo congiunturale è legato in particolar modo al calo del 4,5% riportato dai beni strumentali ma anche al -1,6% dei prodotti intermedi e al -0,7% dei beni di consumo non durevoli. Rispetto al mese precedente sono però andate bene le esportazioni di energia, in crescita del 12,5%, e di beni di consumo durevoli, +1,5%.

Il confronto tendenziale mostra invece performance negative per quasi tutte le tipologie di prodotto, in particolar modo per l'energia, -22,5%, e per i prodotti intermedi, -5,5%, mentre crescono sono le vendite verso i Paesi extra-Ue di beni di consumi durevoli, +6,8%.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali