FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Economia illegale e contraffazione, in aumento il danno per le imprese

È un italiano su quattro ad acquistare prodotti contraffatti. Lʼeconomia illegale ha un impatto negativo in termini occupazionali

Economia illegale e contraffazione, in aumento il danno per le imprese

Soprattutto abbigliamento, calzature e pelletteria: in definitiva è un italiano su quattro ad avere acquistato almeno una volta nel corso del 2015 un prodotto o un servizio illegale. Un trend che, secondo le stime di Confcommercio-Imprese per l'Italia (in collaborazione con Format Research), risulta persino in crescita rispetto ad un anno

Nello specifico il rialzo è dell'11,3% per quanto riguarda l'abbigliamento, del 5,9% le calzature e del 2,8% la pelletteria. In compenso diminuisce l'acquisto di prodotti contraffatti tra quelli che possono risultare nocivi per la salute individuale, tipo alimentari, cosmetici e profumi (-5,4%).

La contraffazione ha un impatto negativo sul sistema economico, in quanto segmento dell'economia irregolare. Nel complesso, secondo recenti studi in materia, l'economia non osservata (economia sommersa e informale più le attività illegali) vale 250-290 miliardi in un anno e ha un impatto negativo anche sull'occupazione perché incentiva il lavoro "in nero".

Nel totale in Italia, nel 2014, dalle ispezioni del ministero del Lavoro, dell'Inps e dell'Inail, risulta che i lavoratori in nero sono il 42,61% di quelli irregolari. In cifre: 77.387, su 181.629 irregolari, sono lavoratori in nero.

Tornando alla contraffazione, quali ragioni spingono un consumatore ad acquistare prodotti non originali? Sostanzialmente il motivo è uno solo, ed è facilmente intuibile: il risparmio. A pensarla in questo modo, secondo l'indagine di Confcommercio, è oltre il 70%, sebbene cresca la consapevolezza sui rischi per la salute.

I danni sono soprattutto per le imprese, ovviamente. Favorendo un mercato irregolare ad aumentare è anche la concorrenza sleale (+1,7% rispetto al 2014) ed è il 62,1% delle imprese del commercio, del turismo, dei servizi e dei trasporti a ritenersi danneggiato dall'azione dell'illegalità. Inoltre, per oltre l'80% delle imprese del terziario, il mercato dei prodotti illegali e dell'esercizio abusivo delle professioni è in continua crescita.

Per quanto possa essere in calo il mercato irregolare di prodotti alimentari, il tema è stato comunque al centro del dibattito durante Expo 2015. Nell'occasione si era osservato, infatti, come ogni anno l'Italia perda circa quattro miliardi di euro a causa della contraffazione e del contrabbando di prodotti agricoli, alimentari e a base di tabacco. Un danno che provoca una riduzione del gettito fiscale dello Stato e che si traduce in 20 mila posti di lavoro in meno.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali