FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Draghi: nellʼEurozona la ripresa resta moderata, con rischi al ribasso

Per il presidente della Bce "le dinamiche dellʼinflazione si sono indebolite, a causa dei prezzi bassi del petrolio e dellʼeffetto dellʼeuro forte"

Draghi: nell'Eurozona la ripresa resta moderata, con rischi al ribasso

"La ripresa nell'Eurozona prosegue moderatamente", ma "i rischi al ribasso da crescita e commercio globali sono chiaramente visibili". Lo ha detto il presidente della Bce Mario Draghi al Parlamento Ue. Anche "le dinamiche dell'inflazione si sono indebolite, a causa dei prezzi bassi del petrolio e dell'effetto dell'euro forte".

"Finora - ha spiegato Draghi - l'attività economica nella zona euro ha dimostrato un certo grado di resilienza verso le influenze esterne che tendono a indebolire la domanda. Mentre la domanda esterna è receduta, gli export dell'Eurozona sono aumentati. Il costo più basso dell'energia e la nostra politica monetaria stanno sostenendo i consumi e la creazione di nuovo capitale".

Ma restano rischi al ribasso, e "la pressione dei prezzi resta sommessa" perché "mentre la ripresa gradualmente rafforzerà l'impulso del processo dell'inflazione, la protratta debolezza dell'economia degli anni scorsi continua a pesare sulla crescita nominale degli stipendi, e questo può moderare la pressione dei prezzi".

"Per una normalizzazione dell'inflazione - ha quindi indicato il presidente della Bce - potrebbe servire più di quanto previsto a marzo, quindi all'incontro di dicembre riesamineremo le politiche monetarie. Se concluderemo che il nostro obiettivo di stabilità dei prezzi a medio termine è a rischio, agiremo usando tutti gli strumenti disponibili nel nostro mandato per assicurare che un appropriato livello di politica monetaria accomodante sia mantenuto".

Il programma di acquisto degli asset, ha quindi sottolineato Draghi, è "considerato particolarmente flessibile e potente" e "abbiamo sempre detto che può andare oltre settembre 2016 nel caso non vedessimo un aggiustamento sostenuto nel cammino dell'inflazione". Ma "altri strumenti possono essere attivati per rafforzare l'impatto del programma, se necessario".

Per il governatore della Bce, in ogni caso, "la ripresa migliora, è lenta ma più forte e più diffusa che in passato, e avviene anche nei Paesi sotto stress e 'non core', guidata da consumi e investimenti: un segnale positivo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali