FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Def, il presidente Istat: "Ancora alta evasione, pesa su crescita" | Bankitalia: "Taglio cuneo è stimolo non irrilevante"

Secondo le stime della relazione, nel triennio 2014-2016 il gap complessivo è di circa 109,7 miliardi

In Italia persistono "livelli elevati di evasione fiscale e contributiva", il cui recupero è "critico per il rafforzamento della capacità competitiva e di crescita del nostro Paese e per l'efficacia e l'equità delle politiche pubbliche". A sottolinearlo è il presidente dell'Istat, Gian Carlo Blangiardo, in audizione sulla Nota di aggiornamento al Def. Secondo le stime della relazione, nel triennio 2014-2016 il gap complessivo è di circa 109,7 miliardi.

"Fase di debolezza economica nei prossimi mesi" - "In Italia, le prospettive per i prossimi mesi sembrano orientate a una sostanziale persistenza dell`attuale fase di debolezza del ciclo economico", prosegue Blangiardo. "Nel corso della prima metà del 2019 gli indici di diffusione - che misurano la percentuale di settori in crescita rispetto al totale - si sono mantenuti al di sotto del 50%, sia nell`industria che nei servizi, tuttavia le prime indicazioni per il terzo trimestre del settore manifatturiero segnalano un miglioramento. Nei mesi più recenti è proseguito il peggioramento del clima di fiducia delle imprese", spiega l'Istituto.

"Imprese sostenibili hanno premio produttività fino a 15%" - "Le imprese più orientate alla sostenibilità - spiega l'Istat - mostrano la presenza di un premio in termini di
produttività che può arrivare anche al 15%. Il valore aggiunto delle ecoindustrie (ossia attività economiche la cui finalità principale è la protezione dell'ambiente o la gestione delle risorse naturali), nel 2017 è stato pari a 36 miliardi di euro e al 2,3% del Pil, con una tendenza alla crescita superiore a quella media dell'economia".

Ultimi per lavoro donne, pesa il ruolo familiare - Secondo l'Istat in Italia "ancora solo il 56,2% delle donne partecipa al mercato del lavoro e il tasso di occupazione non supera il 50%. Si tratta dei valori tra i più bassi, insieme a quelli della Grecia, tra i paesi dell'Ue dove il tasso di attività è pari al 68,3% e quello di occupazione al 63,4%. Il ruolo ricoperto in famiglia, in assenza di un adeguato sistema di sostegno, appare come uno dei fattori discriminanti, insieme alla regione di residenza e al titolo di studio".

Bankitalia: "Il taglio del cuneo è stimolo non irrilevante" - "Anche la riduzione del cuneo fiscale può dare uno stimolo non irrilevante, seppur graduale, all'economia, accrescendo sia la competitività delle imprese, sia i redditi reali e quindi i consumi delle famiglie". Lo sottolinea la Banca d'Italia nel documento sulla Nota di aggiornamento al Def consegnato alle commissioni Bilancio di Camera e Senato. "La scelta di disattivare integralmente le clausole nel 2020 - ha detto il vice dg Luigi Federico Signorini - limita l'ammontare di risorse che possono essere dedicate alla riduzione del cuneo". 

 

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali