FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Crisi Alitalia, i sindacati: "Gli stipendi non sono ancora stati pagati" e crollano i ricavi della compagnia

Il direttore generale Zeni: persi due miliardi e 40 milioni nel 2020. In forte peggioramento anche il risultato operativo

In Alitalia non sono ancora stati pagati gli stipendi dei dipendenti. Lo denunciano fonti sindacali, precisando che l'azienda fino ad ora non ha nemmeno fornito indicazioni su quando arriveranno le buste-paga, che di solito vengono consegnate entro il 27 del mese. La compagnia sta facendo i conti con numeri disastrosi: nel 2020 i ricavi sono crollati, con un calo di oltre 2 miliardi di euro.

"L'anno scorso è stato drammatico - spiega il direttore generale della società Giancarlo Zeni -. Ha determinato una paralisi della domanda e l'ordine di grandezza è un calo del 90% dall'inizio della pandemia: questo ha fatto sì che abbiamo subito un calo dei ricavi di 2 miliardi e 40 milioni". 

 

Zeni è intervenuto al convegno sul "Rilancio del trasporto aereo nel mondo post Covid" organizzato dalla senatrice M5s Giulia Lupo. "Nella settimana appena conclusa - continua - la società Pwc ha finito l'asseverazione dei nostri numeri", aggiungendo che il "risultato operativo è purtroppo in peggioramento di 20 milioni, che è l'1% dei ricavi dell'anno". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali