FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Crescita e occupazione, le micro e piccole imprese un volano per la ripresa

Italia ai vertici nellʼUe per numero di imprese. Tra gennaio e ottobre 2015 lʼoccupazione è aumentate del 3%

Crescita e occupazione, le micro e piccole imprese un volano per la ripresa

La ripresa passa per le imprese e il lavoro. E in Europa un ruolo fondamentale è quello ricoperto proprio dalle microimprese e dalle Pmi. Un'ulteriore conferma giunge dagli ultimi dati Eurostat, secondo cui il nostro paese si colloca ai vertici per numero di microimprese e posti di lavoro generati da quest'ultime.

L'Italia, infatti, è al sesto posto per proporzione di imprese (94,9%) che occupano meno di dieci persone (anno di riferimento 2012). A guidare questa classifica è la Grecia (96,7%) e a seguire la Slovacchia (96,5%), la Repubblica Ceca (96%), la Polonia e il Portogallo (95,2%), ma l'Italia è seconda per proporzione di occupati (prima è sempre la Grecia).

È al secondo posto, poi, per quanto riguarda il numero di nuove imprese create (257 mila, in questo caso a fare meglio di noi è la Francia). È un dato da non sottovalutare, perché come rircorda l'Eurostat, le microimprese e le piccole e medie imprese (Pmi) sono un driver importante dell'economia dell'Unione europea e contribuiscono alla creazione di posti di lavoro e alla crescita: la quota maggiore di occupazione nell'Ue proviene dalle microimprese e dalle Pmi.

L'Italia, in questo senso, registra il migliore andamento per numero complessivo di imprese (micro, piccole, medie e grandi): 3.825.000. La Francia è seconda (2.882.000 imprese), poi Spagna (2.385.000) e Germania (2.190.000).

Insomma, le micro e piccole imprese presentano un alto potenziale occupazionale. E continuano ad assumere, come nel caso italiano. Secondo l'Osservatorio Mercato del Lavoro Cna tra gennaio e ottobre 2015 si è registrato un aumento dell'occupazione del 3% mentre tra settembre e ottobre l'incremento è stato dello 0,5% (l'indagine comprende un campione di 20.500 imprese). In più nel periodo gennaio-ottobre le assunzioni sono cresciute del 3,3% con una corrispondente diminuzione del 4% sul fronte delle cessazioni.

Non solo: si punta all'occupazione stabile. In effetti il tempo indeterminato è la tipologia contrattuale a cui si ricorre maggiormente (riguarda otto lavoratori su dieci) e vanno poi considerati gli apprendisti, il 6,3 % degli occupati. Il 9,7% è invece costituito da contratti a tempo determinato mentre l'1,8 rientra tra le altre forme contrattuali.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali