FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus: dall'Ue via libera al Recovery Fund "urgente", ma non c'è l'accordo su come finanziarlo

Conte: "Tappa importante della storia europea, Italia in prima fila". Merkel: "Resta il nodo sullʼutilizzo di sussidi o prestiti". Macron: "Permangono dissidi sui meccanismi, servono fondi non prestiti"

Per la ripresa dalla crisi economica provocata dal coronavirus, tutti i capi di Stato e di governo Ue hanno concordato sul fatto che serva un Recovery Fund e tutti hanno accolto la proposta di Conte che venga identificato come urgente. Non si è però trovato l'accordo sulle modalità di finanziamento di questo strumento.

Sui dettagli del fondo lavorerà la Commissione nelle prossime settimane. "Un piano entro il 6 maggio. Dovrà essere di ampiezza adeguata e consentire soprattutto ai Paesi più colpiti di proteggere il proprio tessuto socio-economico", dice il premier Giuseppe Conte al termine della videoconferenza con gli altri leader Ue. "L'Italia è in prima fila" in questa richiesta. "Uno strumento del genere era impensabile fino a adesso e renderà la risposta europea più solida e coordinata".

 

Dovrà essere "di dimensione sufficiente a intervenire sui settori e le regioni più colpite", gli fa eco il presidente del Consiglio Ue, Charles Michel. Ma diversi aspetti cruciali di questo strumento restano da definire e da "negoziare", puntualizza la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen. Su tutti il nodo principale è quello delle modalità con cui il fondo effettuerà i suoi interventi, se con prestiti o con finanziamenti a fondo perduto.

 

Manca l'accordo su come finanziarlo, spiega Angela Merkel, "se con sussidi o prestiti", ma una cosa è chiara, e cioè che il fondo sarà collegato al prossimo bilancio europeo per i prossimi sette anni. "Questo significa per la Germania che noi dobbiamo essere disponibili a contributi di bilancio più alti di quanto avevamo messo in conto nell'ultima trattativa".

 

Per il presidente francese Emmanuel Macron "c'è un consenso sulla necessità di una risposta rapida e forte. E' un passo avanti, nessuno contesta che abbiamo bisogno di una risposta fra i 5 e i 10 punti del nostro Pil. Ma restano i disaccordi sui meccanismi". "Servono trasferimenti di risorse verso i Paesi Ue più colpiti da questa crisi, non dei prestiti", sottolinea.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali