FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Confindustria: "In Italia ci sono 4,6 milioni di poveri assoluti, +157% dal 2007"

Soprattutto tra i giovani e al Sud. Gli economisti di viale dellʼAstronomia: "Scende la disoccupazione e sale il Pil, ma restano incertezze"

Confindustria: "In Italia ci sono 4,6 milioni di poveri assoluti, +157% dal 2007"

I poveri assoluti in Italia sono 4,6 milioni, soprattutto tra i giovani e al Sud. A lanciare l'allarme è il Centro Studi di Confindustria che negli ultimi scenari economici rileva un aumento del 157% rispetto al 2007. Ci troviamo in un contesto di "arretramento del benessere e di sfilacciamento sociale e politico che non ha precedenti nel dopoguerra", sottolineano gli economisti di viale dell'Astronomia.

Su le stime del Pil, ma restano incertezze - Confindustria rivede al rialzo le stime del Pil italiano, ma avverte: "I rischi al ribasso sono alti" a causa, sostanzialmente, dell'incertezza politica seguita alla vittoria del "No" al referendum. Nel 2016 il Pil aumenterà dello 0,9% (da +0,7% precedentemente stimato), nel 2017 crescerà dello 0,8% (da +0,5%) e salirà dell'1% nel 2018. Le nuove stime fotografano un'economia che "torna ad avanzare, ma lentamente e a corrente alternata".

La revisione al rialzo delle previsioni è legato all'andamento migliore dell'economia registrato nel 2016. Si è tenuto inoltre conto della legge di Bilancio che prevede più flessibilità nel rapporto deficit-Pil e stimoli fiscali sugli investimenti.

Scende la disoccupazione - Gli esperti rivedono inoltre al ribasso le stime sul tasso di disoccupazione. Nel 2016 quest'ultimo si attesterà sull'11,4% (contro l'11,5% delle precedenti previsioni), mentre nel 2017 le attese sono per un tasso in discesa all'11% (11,2% secondo le precedenti previsioni. Nel 2018 è stato invece previsto un tasso del 10,5%. L'occupazione totale (Ula) dovrebbe crescere dell'1,1% quest'anno e dello 0,6% l'anno prossimo.

Confindustria si attende inoltre un aumento di 905mila occupati tra l'ultimo trimestre 2013 e la fine del 2018. Nell'estate 2013 si era raggiunto infatti il livello più basso dell'occupazione. Il numero di occupati resterà comunque ancora di 1,1 milioni di unità più basso rispetto al massimo registrato a inizio 2008.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali