FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Cgia, in Italia la P.a. è più "spendacciona" degli altri Paesi Ue per beni e servizi

A incidere è soprattutto la sanità, con 30,5 miliardi di euro impegnati nel 2014 per lʼacquisto di beni e servizi

Cgia, in Italia la P.a. è più "spendacciona" degli altri Paesi Ue per beni e servizi

La Pubblica amministrazione italiana spende troppo per l'acquisto di beni e servizi. E' quanto emerge da un confronto con le altre burocrazie europee in uno studio della Cgia. La spesa per consumi intermedi della nostra P.a. si attesta attorno ai 90 miliardi di euro e pesa per il 5,6% del Pil: in Spagna, ad esempio, la spesa per l'acquisto di beni e servizi si ferma al 5,3%, in Francia al 5,2% mentre in Germania ad appena il 4,8% del Pil.

La principale voce di spesa è la sanità, rileva la Cgia, con 30,5 mld di euro spesi per l'acquisto di beni e servizi nel 2014, pari all'1,9% del Pil, per un valore più che doppio rispetto a quanto sostenuto in media dai paesi aderenti all'Area dell'Euro (0,9%).

Dopo la sanità seguono con 15,8 mld di euro le spese per consumi intermedi per "Servizi generali della P.a." (costi di funzionamento e di amministrazione di tutti i livelli di governo, escluse le spese che possono essere ricondotte ad altre funzioni specifiche) e con 10,8 mld di euro quelle per la "Protezione ambientale" (manutenzione idro-geologica, asporto, e smaltimento rifiuti, trattamento acque reflue, fognature).

Queste prime tre funzioni di spesa spiegano - secondo la Cgia - quasi i due terzi della spesa complessiva per beni intermedi. Nell'ultimo decennio la spesa per consumi intermedi è cresciuta del 25% e le cause, per la Cgia, vanno individuate soprattutto nella sanità e nella protezione ambientale. Dal 2004 al 2014 la spesa per consumi intermedi nella sanità è esplosa (+61,5%) passando da 18,9 a 30,5 mld di euro del 2014, mentre quella per la protezione ambientale, ascrivibile per la larga maggioranza alla gestione dei rifiuti, è salita del 78,9%. Risultano invece in calo le spese intermedie per i servizi generali della Pa (-7,7% in 10 anni).

Per la Cgia, valutando il comportamento delle altre voci di spesa per consumi intermedi, i risultati forniscono alcune indicazioni interessanti che confermano quanto già emerso. E' ovviamente la sanità in cima alla classifica, con la spesa per "Servizi ospedalieri" che ha toccato quasi i 16 mld di euro nel 2014, salendo del 38% rispetto al 2004. Seguono le spese di Gestione dei rifiuti (quasi 9,1 mld di euro nel 2014) che sono quasi raddoppiate in 10 anni (+95,6 mld), scavalcando quelle per i Servizi ambulatoriali che sono comunque salite del 70,1%.

In sensibile crescita anche la spesa per la voce "Prodotti medicinali, attrezzature ed apparecchi terapeutici" che passa da poco più di un miliardo di euro del 2004 a quasi 4 mld di euro nel 2014; tuttavia, come indicato dalla Ragioneria Generale dello Stato, questo dipende sia dalla continua introduzione di farmaci innovativi (specie in campo oncologico), caratterizzati da un costo elevato che dalle politiche di incentivazione della distribuzione diretta dei farmaci attuate in diversi Servizi Sanitari Regionali, con conseguente rimodulazione della spesa dalla farmaceutica convenzionata (market, che non rappresenta un costo intermedio) alla farmaceutica ospedaliera (in effetti, in compensazione, negli ultimi 10 anni la spesa farmaceutica convenzionata è scesa di 3,6 miliardi di euro passando da 12 a 8,4 mld di euro).

Risultano invece in calo le spese dei servizi di polizia: in 10 anni sono scese del 16%, passando da 3 mld di euro a poco piu' di 2,5 mld di euro. L'analisi dei consumi intermedi consente di individuare, in un certo senso, il lato piu' aggredibile della spesa pubblica e quello ovviamente piu' esposto alle inefficienze.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali