FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bollette telefoniche a 28 giorni, rinviati i rimborsi

Il Consiglio di Stato ha rimandato la decisione a fine maggio

Bollette telefoniche a 28 giorni, rinviati i rimborsi

I rimborsi per il caso delle bollette telefoniche a 28 giorni sono stati rinviati. Il Consiglio di Stato aveva congelato i rimborsi, confermati dal Tar del Lazio, in attesa di conoscere le motivazioni della sentenza. Al momento, però, non è ancora arrivata la pubblicazione integrale delle motivazioni (mancano quelle relative a Tim). Palazzo Spada ha dunque rimandato la decisione a fine maggio.

Sul caso era atteso un pronunciamento entro il 31 marzo. La questione riguarda le modalità con cui erogare i rimborsi. L’Agcom aveva chiesto alle compagnie telefoniche Tim, Vodafone, Wind Tre e Fastweb di rimborsare gli utenti per le fatture a 28 giorni attraverso "giorni gratis" (quelli persi dal giugno 2017 a fine marzo 2018) in favore dei clienti. Modalità che ha ricevuto l’ok del Tar del Lazio.

"Siamo sconcertati: un altro rinvio a un diritto dei consumatori, in una vicenda che si trascina per due anni. In questo modo, diventa molto difficile difendere gli interessi dei consumatori perché, a causa di questi tempi biblici della giustizia, passa il messaggio che gli operatori possono fare quello che vogliono", ha detto a Repubblica Ivo Tarantino di Altroconsumo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali