FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Bce, esordio di Cristine Lagarde: "Euro popolare come non mai" | Ma davanti al falco Schaeuble fa la diplomatica

Prima uscita pubblica in qualità di presidente dellʼEurotower a Berlino. E davanti a uno dei fautori dellʼausterity non parla di "stimoli al bilancio"

Esordio senza trionfalismi per Christine Lagarde alla sua prima uscita da presidente della Bce. A Berlino di fronte a Wolfgang Schaeuble non ha svelato le proprie carte spingendo verso lo stimolo di bilancio, ma ha preferito la diplomazia con uno dei referenti dell'austerity tedesca, che potrebbe rivelarsi decisivo nei prossimi mesi. E parlando della moneta unica ha detto: "L'euro è popolare come non mai presso il grande pubblico europeo".

Durante un intervento a Berlino in lode all'ex ministro delle Finanze, ora potente presidente del Bundestag, la neopresidente della Bce ha ricordato i negoziati durissimi vissuti insieme (il pensiero va alla crisi della Grecia) ma non ha toccato esplicitamente né la politica monetaria, come atteso, né la politica di bilancio, come qualcuno invece si sarebbe aspettato. Ha riconosciuto a Schaeuble di portare "il segno di un vero uomo di Stato: la capacità di esaminare profondamente ciò che va fatto, evitando false certezze".

 

L'esordio a Berlino della neopresidente Bce Christine Lagarde

 

L'ex direttrice generale del Fmi, insomma, di fronte a Schaeuble, in una Berlino sempre più critica delle politiche espansive della Bce che Lagarde eredita da Draghi, prende alla larga l'argomento scottante su cui era già intervenuta nei giorni scorsi chiedendo a Germania e Olanda di farsi avanti con uno stimolo di bilancio per sostenere l'Europa. Un esordio sotto tono, anche se diversi osservatori notano che l'approccio soft (già visto all'Europarlamento quando Lagarde non ha sottoscritto convintamente il 'whatever it takes di Draghi) probabilmente sta giocando di tattica. Ha bisogno, cioè, di ammorbidire l'establishment tedesco per cercare di convincerlo a non osteggiare con troppa forza le mosse della Bce, specie se dovesse rendersi necessario un ulteriore rilancio del quantitative easing di fronte al rischio di recessione. 

 

Bce, il passaggio di consegne tra Draghi e Lagarde

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali