FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Auto, Fca vende il 2,3% in meno in Europa ma fa il botto con Jeep: +55%

Nel complesso il mercato auto nel 2018 resta stabile (-0,04%) ma con una netta discesa negli ultimi quattro mesi. Fa eccezione lʼItalia

Auto, Fca vende il 2,3% in meno in Europa ma fa il botto con Jeep: +55%

Fca vende meno in Europa, ma tira il marchio Jeep, che nel 2018 segna un balzo del 55,6%. Complessivamente il gruppo, secondo i dati Acea (associazione case automobilistiche europee) ha immatricolato, nell'Europa dei 28 più i Paesi Efta (Svizzera, Islanda e Norvegia), 1.021.311 auto, il 2,3% in meno rispetto al 2017 con una quota al 6,5% (era il 6,7%), ma le auto vendute sono state 168.674.

Anche in dicembre il trend risulta mediamente negativo, con 60.926 auto vendute per una flessione del 2,5% e una quota del 5,9% contro il 5,5%.

Mercato auto stabile - L'intero mercato delle quattro ruote risulta nel complesso stabile, con 15.624.486 veicoli venduti, cioè lo 0,04% in meno del 2017. Negativi però i numeri dell'ultimo mese dell'anno, con vendite a dicembre di 1.038.984 vetture, l'8,7% in meno dello stesso mese dell'anno prima.

Numeri in calo nell'ultimo periodo dell'anno - Numeri negativi anche considerando la sola Unione europea, dove a dicembre le immatricolazioni di auto sono scese dell'8,4% "continuando il trend in discesa iniziato a settembre con l'introduzione del Wltp", cioè la procedura di prova dei veicoli armonizzata a livello mondiale. Fa eccezione soltanto l'Italia, dove a dicembre le immatricolazioni sono cresciute del 2%.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali