FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

ArcelorMittal investe 6 miliardi di euro per un'acciaieria in India: addio all'Italia più vicino

Lʼoperazione, condotta in joint venture con i giapponesi di Nippon steel, corrisponde a un impegno finanziario quasi equivalente a quello che il gruppo franco-indiano avrebbe dovuto sostenere per lʼex Ilva di Taranto

Con il dichiarato investimento da 6 miliardi in India, la strategia di ArcelorMittal si fa più chiara: uscita del gruppo siderurgico dall'Italia e dall'Ilva di Taranto, dove avrebbe dovuto impegnarsi finanziariamente con una cifra molto simile, per investire nel far east. Il danno per il nostro Paese sarebbe enorme, con migliaia di nuovi disoccupati in un'area, il Sud, dove la mancanza di lavoro si fa più sentire.

Arriva il sospetto che ArcelorMittal avesse già pronto un piano "B", un'alternativa all'investimento sull'Ilva di Taranto. Era solo atteso il via libero della Corte Suprema indiana per l'acquisizione del gruppo siderurgico Essar Steel. Che ora è arrivato. D'altronde i numeri parlano chiaro. L'acciaieria del paese asiatico impiega meno della metà dei dipendenti impegnati in Italia: 3.800persone contro oltre 10mila , a fronte di una capacità produttiva di 10 milioni di tonnellate contro i nostri 4 milioni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali