FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Roma, Mattarella inaugura il restauro delle Corsie Sistine: il più antico ospedale d'Europa

L'edificio contiene un ciclo di affreschi di 1200 mq che racconta in sessanta scene la storia dell'Ordine Ospitaliero del Santo Spirito, modello di migliaia di ospedali Italia e in Europa

Corsie Sistine: inaugurato il restauro del più antico ospedale d'Europa

Si è concluso il restauro conservativo delle Corsie Sistine, a Roma, l'ospedale più antico d'Europa, che svolge da oltre 800 anni una funzione di accoglienza e di cura nel cuore della Città. All'inaugurazione del 22 luglio 2022 erano presenti il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il sindaco di Roma Capitale, Roberto Gualtieri, il prefetto di Roma, Matteo Piantedosi, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, il ministro della Salute, Roberto Speranza, il ministro per i Beni e le Attività culturali, Dario Franceschini, il soprintendente speciale di Roma, Daniela Porro, e il girettore generale dell'Asl Roma 1, Angelo Tanese.  

 

Leggi Tutto Leggi Meno

Riapre al pubblico il più antico ospedale d'Europa: l’inaugurazione delle Corsie Sistine, da oltre 800 anni centro di accoglienza e cura nel cuore della Capitale, si è tenuta nella mattinata del 22 luglio 2022.

All'evento ha preso parte anche il presidente della Repubblica

Sergio Mattarella

.

L'inaugurazione -

Oltre al capo dello Stato erano presenti alla cerimonia anche il sindaco di Roma Capitale, 

Roberto Gualtieri

, il prefetto di Roma,

 Matteo Piantedosi

, il presidente della Regione Lazio, 

Nicola Zingaretti

, il ministro della Salute, 

Roberto Speranza

, il ministro per i Beni e le Attività culturali,

 Dario Franceschini

, il soprintendente speciale di Roma, 

Daniela Porro

, e il direttore generale dell'Asl Roma 1, 

Angelo Tanese


 


In occasione dell'evento nelle sale è stata anche allestita la

mostra fotografica

"Immagini della Pandemia: una storia di Sanità Pubblica. L'emergenza covid immortalata in

48 scatti fotografici

che hanno fatto il giro del mondo".


 


La struttura è impreziosita da

un ciclo di affreschi

realizzati da artisti di scuola umbro-laziale e da discepoli di Melozzo, Ghirlandaio, Pinturicchio e Antoniazzo Romano. Il ciclo pittorico, realizzato a partire dalla fine del ‘400, occupa una superficie di

oltre 1.200 mq

e si snoda lungo l'intero perimetro della struttura. Si tratta di oltre

60 scene

che descrivono gli episodi più importanti della storia dell'ospedale.


 


La storia -

 L’Arcispedale sorge al di sopra di quelli che erano i giardini della villa romana di Agrippina Maior, gli

"Horti Agrippinae"

. In questa vasta zona, intorno al 727 d.C., Ina, re dei Sassoni, istituì la

"Schola Saxonum"

, vera e propria cittadella fortificata che forniva ricovero e assistenza per i pellegrini che giungevano a Roma per visitare

la tomba dell'apostolo Pietro

  


 


La

Schola Saxonum

fu la più longeva

e prosperò fino alla Guerra Santa, quando il flusso dei pellegrini si orientò altrove, ma la sua posizione sul Tevere le donò nuova vita quando nel 1198 Innocenzo III affidò a Marchionne D’Arezzo la costruzione del

Complesso per accogliere i bambini indesiderati

(esposti o proietti) e i bisognosi. A Guido da Montpellier, cavaliere e fondatore dell’

Ordine Ospitaliero del Santo Spirito

, fu poi affidata la gestione dell’istituto. L'ospedale accoglieva non solo

i malati ma tutti gli indigenti e gli emarginati

, fino a che il Santo Spirito divenne in poco tempo modello di molti altri ospedali, in Italia e in Europa, contraddistinti dalla Croce di Lorena, simbolo dell’ordine del Santo Spirito.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali