FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

"Scrivevamo sulle scarpe", piccole recensioni sentimentali di dischi epocali

Nel libro d'esordio di Luca Azzini prendono forma i contorni di una generazione e di un momento storico in cui la musica e la sua fruizione avevano un impatto sociale e culturale oggi impensabili

scrivevamo sulle scarpe luca azzini
Ufficio Stampa

A volte i dischi non sono solo dischi, ma molto altro: sono persone, viaggi, memorie, mondi interi.

Attraverso delle piccole recensioni sentimentali di album più o meno epocali, in "Scrivevamo sulle scarpe" - libro d'esordio di Luca Azzini - prendono forma i contorni di una generazione e di un momento storico in cui la musica e la sua fruizione avevano un impatto sociale e culturale oggi impensabili. Un progetto sospeso tra narrativa e rock, nato come blog su Instagram, che in questa nuova dimensione diventa quasi romanzo di formazione obliquo e discontinuo. Un racconto del passaggio all'età adulta, tra gioie e perdite, lotte e traguardi raggiunti. Testimonianza di quella parte di mondo che trovava la propria strada anche grazie a rumorose epifanie di tre minuti e mezzo.

 

Scrivevamo sulle scarpe

Luca Azzini
Dialoghi
Pagine 128
14,00€

 

L'autore

Luca Azzini è nato nel 1979 in provincia di Milano e cresciuto in Brianza, dove vive e lavora tuttora. Si è laureato in Lingue e Letterature straniere all'Università degli Studi di Milano, e negli anni Duemila ha collaborato come dj con numerosi locali lombardi. Nel 2020 ha creato il profilo Instagram "lamiavitain400dischi". "Scrivevamo sulle scarpe", il suo primo libro, ne è raccolta, resoconto e rimescolamento.

 

Un estratto per i lettori di Tgcom24

La prima volta che acquistai un disco avevo undici anni e una manciata di mesi, lo ricordo perfettamente perché era l'estate dei Mondiali di Italia '90, Baggio aveva appena steso la Cecoslovacchia dopo aver danzato per cinquanta metri col pallone fra i piedi, con lo stadio Olimpico di Roma che pareva il Bolshoi, incendiando di gioia interi condomini ricolmi di uomini in canottiere bianche e mogli accaldate che sbirciavano con pigrizia. Solo un paio di settimane dopo sarebbero arrivati l'Argentina, Maradona, la nuca di Caniggia e i calci di rigore a riportare tutto alla consueta e stanca normalità.
Andai al negozio con mio padre, sentivo il cuore palpitare sempre più selvaggiamente dopo ogni pedalata, io cavalcavo una Graziella azzurra abilmente modificata e molto punk, lui mi seguiva ciondolante in sella a una di quelle mountain bike dagli sgargianti colori fluo assai in voga allora.
Entrò circospetto in quel luogo angusto e male illuminato del quale neppure conosceva l'esistenza, nonostante costeggiasse le vie centrali del paese in cui abitavamo. I baffi, ancora nerissimi in quegli anni, si misero all'erta, attenti nel cercare di capire in quale razza di mondo si sarebbe ficcato il proprio unico figlio. Cincischiò in modo superficiale e distratto con qualche disco di musica italiana, alla ricerca di nomi amici che lo facessero sentire meno a disagio. Lo vidi chiaramente scuotere la testa sconsolato quando l'occhio gli cadde sul settore del negozio dedicato al metal e ai suoni più pesanti, poco convinto dai bizzarri e capelluti abitanti che lo popolavano. Malgrado la sua ritrosia e una sempre più impellente necessità di tornare a casa, mi diede piena libertà di scelta e non mi mise fretta alcuna, concedendomi tutto il tempo che mi serviva per orientarmi e muovermi là dentro.
Mentre scorrevo gli artisti in metodico ordine alfabetico, alla ricerca del mio sonico Graal, il volto e gli occhiali di John Lennon mi vennero in soccorso, fu la prima di una lunga serie di volte. Era una delle sue ultime foto: capelli corti, niente barba, rughe che non avevano nulla a che fare coi Beatles. Mi colpirono i piedi nudi e le gambe incrociate. Lo estrassi dallo scaffale riservato alla lettera 'L', scorsi i titoli sul retro di copertina: era una raccolta dei suoi lavori da solista, qualcosa mi suonava familiare, lo mostrai trionfante a mio padre, ormai stremato anche dalla musica in sottofondo. Approvò col pollice alzato, sapeva che era finita. Ero certo che la prossima volta ci sarei andato da solo; una delle sensazioni più belle della mia ancora breve vita.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali