FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il primitivismo di Modigliani in una mostra sensoriale al Mudec di Milano

Lʼesposizione si propone di sottolineare l’influenza che il primitivismo, in particolare la scultura africana, egizia e cicladica, hanno avuto sul lavoro dellʼartista

Curata da Francesco Poli, la mostra che il Mudec di Milano dedica ad Amedeo Modigliani (dal 20 giugno al 4 novembre) si propone di sottolineare l’influenza che il primitivismo, in particolare la scultura africana, egizia e cicladica, ebbero sul suo lavoro. E sono proprio dei pezzi di arte africana provenienti dalla collezione permanente del Mudec, affiancati a tre ritratti di Modì provenienti dal Museo del Novecento di Milano, ad aprire la mostra e a tessere quelle relazioni di sintesi, di purezza, di geometrie e di linee tra le quali, grazie alla loro disarmante semplicità, si cela un’inspiegabile magia.

Modigliani in mostra al Mudec di Milano: alcune opere dellʼartista

In tanti avevano guardato a quella che un tempo veniva brutalmente definita “arte negra”, Picasso in primis (e le tracce sono nei volti delle sue Demoiselles d’Avignon), poi Matisse, Derain, Brancusi, eppure in Modigliani è diverso: l’artista livornese è riuscito a coniugare i tratti bruschi delle maschere del Congo o del Gabon con l’eleganza tutta senese dei volti di Tino di Camaino.

Una vita bohémienne quella di Dedo (così lo chiamava mamma Eugénie), consumata da esule livornese nella Montmartre e nella Montparnasse dei primi del Novecento. Una vita dissoluta, ma tutta votata all’arte, fatta di eccessi, ma anche di audaci scelte artistiche, di giorni bruciati nella febbrile foga della creazione o trascorsi a degustare assenzio e a declamare le terzine di Dante.

Un’atmosfera unica, evocata da fotografie d’epoca e da una rappresentazione multimediale pensata per calare lo spettatore nei luoghi simbolo di quella Parigi frequentata da Picasso, Soutine, Cocteau, Diaghilev, Kisling e Brancusi, ma soprattutto dalle donne, le sue muse (da Beatrice Hestings, giornalista e tenace suffragetta, alla dolcissima Jeanne Hébuterne, pittrice lei stessa, fedele compagna e madre della piccola Jeanne), che hanno prestato i volti alle tele e alle sculture e che ancora incantano per i tratti puri, le forme stilizzate, i visi a mandorla e gli occhi vuoti e chiari come i cieli senza nubi. Infine, una Infinity room, ovvero una sala degli specchi, chiude il percorso multisensoriale e in un gioco di dissolvenze e rifrazioni appaiono alcune delle opere più significative dell’artista.

Modigliani Art Experience
Museo delle Culture (Mudec), Milano
Dal 20 giugno al 4 novembre 2018
Per ulteriori informazioni clicca qui

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali