FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Tivoli, la statua romana Dioniso all'asta | Via al progetto Atlas: una mappatura del patrimonio di Villa Adriana nelle collezioni del mondo

Le Villae di Tivoli non finiscono mai di stupire e rinnovare il racconto di se stesse: è di questi giorni la notizia della presenza di una scultura proveniente da Villa Adriana nell’asta "Classic Week Antiquities" organizzata da Christie's a Londra il 16 dicembre. Il reperto scultoreo, che rappresenta Dioniso, ha una storia collezionistica di sommo interesse. Rinvenuto a Villa Adriana, fu ceduto da Gavin Hamilton (1723-1798), che al tempo gestiva la maggior parte dell’offerta di antichità vendute a collezionisti inglesi, a Lord Shelburne (1737-1805)), divenendo parte di una delle più celebri raccolte private di antichità del XVIII secolo.  Dopo la morte dell'aristocratico collezionista, la scultura rimase di proprietà della famiglia fino al 1930, quando fu venduta al diplomatico Karl Bergsten (1869-1953), entrando a far parte della Bergsten Collection di Stoccolma. Il Dioniso è significativo della straordinarietà della decorazione architettonica e scultorea di Villa Adriana, i cui capolavori figurano oggi nei più importanti musei. A tal proposito, le Villae stanno lanciando il progetto Atlas, una mappatura del patrimonio di Villa Adriana presente nelle principali collezioni del mondo.

Tivoli, la statua romana Dioniso all'asta | Via al progetto Atlas: una mappatura del patrimonio di Villa Adriana nelle collezioni del mondo

clicca per guardare tutte le foto della gallery

Le Villae di Tivoli non finiscono mai di stupire e rinnovare il racconto di se stesse: è di questi giorni la notizia della presenza di una scultura proveniente da Villa Adriana nell’asta "Classic Week Antiquities" organizzata da Christie's a Londra il 16 dicembre. Il reperto scultoreo, che rappresenta Dioniso, ha una storia collezionistica di sommo interesse. Rinvenuto a Villa Adriana, fu ceduto da Gavin Hamilton (1723-1798), che al tempo gestiva la maggior parte dell’offerta di antichità vendute a collezionisti inglesi, a Lord Shelburne (1737-1805)), divenendo parte di una delle più celebri raccolte private di antichità del XVIII secolo.  Dopo la morte dell'aristocratico collezionista, la scultura rimase di proprietà della famiglia fino al 1930, quando fu venduta al diplomatico Karl Bergsten (1869-1953), entrando a far parte della Bergsten Collection di Stoccolma. Il Dioniso è significativo della straordinarietà della decorazione architettonica e scultorea di Villa Adriana, i cui capolavori figurano oggi nei più importanti musei. A tal proposito, le Villae stanno lanciando il progetto Atlas, una mappatura del patrimonio di Villa Adriana presente nelle principali collezioni del mondo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali