FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

15.800 note per il Duomo di Milano / 2 "Lʼerede maschio di Visconti e il laghetto di Santo Stefano"

Al via il crowdfunding per il restauro dellʼorgano milanese. Ai lettori di Tgcom24 che contribuiranno alla raccolta in omaggio due biglietti per lʼingresso al Grande Museo

15.800 note per il Duomo di Milano / 2 "L'erede maschio di Visconti e il laghetto di Santo Stefano"

Il nostro viaggio alla scoperta del Duomo continua con la storia dell'erede maschio di Gian Galeazzo Visconti, l'allora Signore di Milano che assunse il controllo dei lavori della cattedrale, e il laghetto. Isabella di Valois - prima moglie di Gian Galeazzo - non diede un discendente alla stirpe dei Visconti: tutti i maschi nati dalla loro unione morirono prematuramente. Il Conte di Virtù, si unì dunque in seconde nozze alla cugina Caterina, figlia dello zio Bernabò Visconti: era il 1380.

 

A Milano in quel periodo si era diffusa una voce che inquietava non poco il principe: sembrava che non nascessero più bambini maschi. Tradizione vuole che la costruzione di una nuova cattedrale intitolata a Maria rispondesse al bisogno di attirare su di sé e sul popolo la materna protezione della Madre di Dio.

Ci sarebbero voluti ancora circa otto anni di attesa per vedere finalmente esaudite le preghiere di Gian Galeazzo e attestare un progressivo incremento delle nascite. Il 7 settembre 1388, due anni dopo la posa della prima pietra del Duomo, nacque il tanto atteso erede maschio: Giovanni Maria Visconti.

Nello stesso anno, 1388, Gian Galeazzo Visconti fece costruire il Laghetto di Santo Stefano per agevolare il trasporto dei pesanti blocchi di marmo provenienti dalla Cava di Candoglia necessari alla costruzione del Duomo. Attraverso la Conca di Viarenna, aperta nel 1439 per volere di Filippo Maria Visconti, su progetto di Filippino degli Organi, attivo presso il cantiere del Duomo, e di Aristotele Fioravanti, fu possibile far passare il materiale in transito dal Naviglio Grande alla Cerchia Interna dei Navigli e si decise per questa ragione di realizzare un nuovo porticciolo il più prossimo possibile al Duomo, lì dove nacque il laghetto di Santo Stefano (via Laghetto); molti secoli dopo, per motivi igienici, su ordinanza dell’Imperatore d’Austria Francesco Giuseppe, nel 1857 si decise di interrarlo cambiando per sempre la fisionomia del luogo e la logistica del trasporto del marmo.

Gian Galeazzo Visconti, le tracce del Duca di Milano nel Duomo

Le immagini dedicate a Gian Galeazzo Visconti e le tracce del suo passaggio in Duomo (la Guglia Carelli è la prima guglia del Duomo, la cui statua di cima raffigura san Giorgio, curiosamente con le fattezze di Gian Galeazzo Visconti). Tra le vetrate dell'abside, la raza (sole raggiato) è il simbolo dei Visconti.

Photo credit © Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano

leggi tutto

LE INFORMAZIONI -  Per sapere tutto sul restauro del grande organo clicca qua.

PER CONTRIBUIRE - Chi volesse contribuire fattivamente al restauro può cliccare qua: compilando il campo "Codice Partnership" con la dicitura TgCom i donatori avranno diritto a due biglietti omaggio per la visita del Grande Museo del Duomo.

IL SONDAGGIO - Quale brano ti piacerebbe ascoltare suonato dall'organo del Duomo di Milano? Clicca e vota

Duomo di Milano, i percorsi dʼacqua che permisero il trasporto dei marmi

© Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano – Foto di Massimo Zingardi

leggi tutto

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali