FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Little Bergamo", per un bimbo scoprire la città non è mai stato così bello

Due giornaliste e mamme hanno ideato una guida per i più piccoli che magari conoscono il mondo tramite il tablet ma non la Città dei Mille dove vivono. Nessun itinerario preconfezionato bensì aree tematiche, colori e quiz.

"Little Bergamo", per un bimbo scoprire la città non è mai stato così bello

Bergamo Alta. Bergamo Bassa. Bergamo Little. La città di Donizetti e dei Mille si fa piccola nella sua grande bellezza. La trasformazione non è urbanistica bensì editoriale: “Little Bergamo” è il titolo di una guida per conoscere la città, una mappa pensata per i bambini di Bergamo (e non solo) tra i sette e gli undici anni. Pubblicata da Cobalto Edizioni, la mappa è pensata e realizzata da Sara Noris e Barbara Baldin, giornaliste e mamme cittadine. Le illustrazioni sono invece curate da Massimo D’Acunzo, napoletano doc.

Guai ad accostare Little Bergamo a una qualsiasi guida turistica tradizionale o a un’app. Si tratta di 96 pagine destinate ai più piccoli che magari, tramite il tablet dei genitori, conoscono Times Square ma non Piazza Vecchia. Eppure il bambino è libero per natura, rifugge da categorie e imposizione: figuriamoci dover studiare in classe la storia della loro città. Meglio impararla sul campo, davanti alle Mura venete o alle cannoniere, ammirando Colle Aperto o salendo in funicolare dalla Città Bassa a quella Alta.

 

"Libertà e curiosità sono le caratteristiche che ci hanno spinto in questa iniziativa-  spiega Sara Noris - che è iniziata due anni fa. Ci siamo accorte che i nostri bambini non conoscono a fondo Bergamo. Noi non vogliamo forzarli. il nostro giovane lettore scopre Bergamo come e quando vuole lui: si costruisce il suo percorso partendo da un monumento o da una fontana. Non abbiamo un indice classico ma aree tematiche. Il bambino le conosce sul libro e poi viene stimolato ad andare a vederle dal vivo".

Le fa eco Barbara Baldin: "Dobbiamo provare ad aiutare i nostri bambini a guardarsi attorno senza tecnologia. Ci sarà tempo per quella. Little Bergamo va toccato con mano, con calma, partendo anche dall’ultima pagina. Ogni lettore può fare ciò che vuole: una volta accesa la lampadina della curiosità, c'è spazio per annotare e documentare. Ci sono puzzle, quiz e racconti mirati". Come spesso accada da cosa nasce cosa. Little Bergamo è diventato un percorso che le due autrici fanno nelle scuole primarie della città e della provincia. "Lo raccontiamo ai più piccoli che restano spesso sorpresi", aggiunge Noris che come Baldin arriva dal giornalismo.

 

Il progetto piace, i riscontri sono più che positivi. Little Bergamo ha scalato la classifica dei libri più venduti in città in occasione della Fiera dei Librai tenutasi nelle scorse settimane. Il volume è arrivato al terzo posto dietro due totem come Roberto Saviano e Mauro Corona, mettendo in fila altri autori nazionali e orobici. Una bella soddisfazione per le due freelance che non si fermano certo qua. "Sotto con altri laboratori e altre scuole primarie", dicono guardando avanti.

 

E proprio perché da cosa nasce cosa è online LittleBergamo.com con altre illustrazioni e altri itinerari. Per ora è Little Bergamo, chissà che non diventi Litte QualcheAltraCittà.

 

 

Sara Noris - Barbara Baldin

“LITTLE BERGAMO”

Cobalto Edizioni

Pagine 96 - Prezzo euro 13,90

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali