FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"La Lupa", il nuovo thriller di Piernicola Silvis che parla di mafia

Con gli stessi protagonisti del precedente romanzo "Formicae", il questore in pensione narra la criminalità organizzata sulle coste del Gargano

"La Lupa", il nuovo thriller di Piernicola Silvis che parla di mafia
Piernicola Silvis

E' un feroce thriller pulp La Lupa, il nuovo romanzo di Piernicola Silvis pubblicato da Sem. Il poliziotto, Renzo Bruni, e lo spietato killer di bambini, Diego Pastore, sono tornati. Già protagonisti di Formicae saranno ancora loro a tenere il lettore col fiato sospeso. Il romanzo parte da un luogo specifico, la Masseria di Monte del Falco, in Puglia sul Gargano e parla di una donna, un sicario, un macellaio criminale, uno studente disperato e un testimone che ha parlato.

Un thriller che parla di mafia, 479 pagine di racconto dalle quali emergono le conoscenze del suo autore. Piernicola Silvis per quarant'anni è stato un poliziotto in Veneto, Sardegna, Marche e infine a Foggia. La scrittura di Silvis è colma di conoscenza: dei meccanismi investigativi, delle dinamiche criminali, della psicologia dei boss e della testa degli sbirri. Inoltre lo scrittore è nato e ha chiuso la sua carriera nel capoluogo pugliese e ha avuto modo di conoscere la mafia del triangolo Foggia-Gargano-Cerignola. Per questo motivo ciò che ha vissuto da poliziotto diventa materiale prezioso per il thriller.

Piernicola Silvis è nato a Foggia il 4 luglio del 1954. Alto dirigente della Polizia di Stato, ha concluso la carriera come Questore di Foggia, dopo aver ricoperto altri numerosi incarichi. Al momento si dedica a tempo pieno alla scrittura. La lupa è il suo quinto romanzo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali