SCRIGNO PREZIOSO

Sformatini di pasta ai fiori di zucca

Difficoltà: facile
26 Mag 2023 - 07:00

Questi sformatini di pasta al forno sono veloci e sfiziosi. Uno scrigno di fiori di zucca con all’interno mezze penne condite con prosciutto cotto e taleggio. Un primo piatto semplice ma elegante che può trovare posto anche in un menù per gli ospiti.

Un piccolo involucro di fiori di zucca che, una volta aperto, svela una cascata di mezze penne con il loro sughetto cremoso che piace a tutti. Questi sformatini possono essere preparati in anticipo e cotti in un secondo tempo.

Ingredienti


pasta formato mezze penne: 250 g
fiori di zucca: 12
olio Evo:
pangrattato:
taleggio: 200 g
latte: 1,5 dl
sale:
pepe:
prosciutto cotto (ridotto a dadini): 100 g
erba cipollina:

Tagliare a dadini il taleggio privato della crosta, riscaldare il latte in un pentolino e unire il formaggio, a fuoco dolcissimo. Mescolare con una frusta sino ad ottenere una crema omogenea e mantenere in caldo.

Lessare la pasta in abbondante acqua salata e scolare molto al dente. Condire la pasta con metà della fonduta e il prosciutto a dadini, mescolando bene il tutto.

Pulire i fiori di zucca eliminando l’intera base ed il pistillo centrale, incidere sul lato in modo da avere solo il fiore completamente aperto. 

Ungere con poco olio 4 stampini da crème caramel e cospargere con del pangrattato. Disporvi i fiori di zucca facendo in modo che le punte frastagliate ed arancioni dei fiori si incontrino sulla base degli stampini.

Ripartire la pasta nei singoli stampini senza lasciare spazi vuoti. Cuocere in forno statico preriscaldato a 180° per 15 minuti coprendoli con un foglio di alluminio.

Disporre una cucchiaiata abbondante di fonduta di taleggio ben calda nei singoli piatti e, delicatamente, sistemare al centro gli sformatini di pasta ai fiori di zucca.

Servire gli sformatini di pasta al forno ben caldi terminando la preparazione con qualche stelo di erba cipollina tagliato sottilmente.

Seguite la ricetta su: https://www.lalunasulcucchiaio.it/

A cura di Indira Fassioni

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri