Tino Vettorello, lo Chef a cinque cerchi