FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coccio o Biscotazza? Ecco la nuova collection del Mulino Bianco
 

L'iconico marchio del Gruppo Barilla, per la gioia dei collezionisti e gli amanti della colazione, lancia una nuova raccolta punti con in palio due premi

Biscotazza o Coccio?  

Settembre 2020, vede la nascita di una nuova raccolta punti del Mulino Bianco, il marchio leader in Italia dei prodotti da forno.  In palio due regali: il Coccio, replica del cult della prima raccolta punti del 1978, e la Biscotazza, mug da portare sempre con sé per una colazione “on the go”.

Mulino Bianco è protagonista da 45 anni del pasto più importante della giornata grazie ai suoi prodotti e alla sua capacità di entrare in sintonia con le esigenze e le emozioni degli italiani.

 

 

L’iconico marchio del Gruppo Barilla che può contare su 60 referenze pensate per la prima colazione, torna a proporre una Collection Biscotti che prevede come premi due oggetti cult, tra ricordi di infanzia e nuove abitudini, incarnano tutte le anime della “colazione all’italiana”.

 

 

Julia Schwoerer, Vice President Marketing Mulino Bianco afferma: “Mulino Bianco ha da sempre un ruolo negli stili di vita degli italiani, e continua ad offrire pratiche soluzioni, in linea con le nuove abitudini senza rinunciare alla tradizione. Lo facciamo attraverso il miglioramento continuo delle ricette, (tutte senza olio di palma e nel tempo ottimizzate sotto il profilo nutrizionale), un’attenzione costante alla qualità e alla sostenibilità delle nostre filiere e anche dialogando con i nostri consumatori attraverso i social media e la nostra community “Nel Mulino che Vorrei”. Oggetti regalo come Coccio e Biscotazza, nel disegnare le tendenze della prima colazione, rappresentano questo stretto e profondo legame con gli italiani e con lo spirito del nostro tempo che ci contraddistingue da 45 anni.

 

 

E pensare che 60 o 70 anni fa la colazione all’italiana non esisteva affatto. Bisogna aspettare gli anni Sessanta e, soprattutto, Settanta, con la “democratizzazione” dei biscotti da prodotto di lusso a cibo per tutti, per arrivare alla colazione all’italiana come la intendiamo oggi.

 

La rivoluzione è segnata dall’arrivo delle prime confezioni dei frollini Mulino Bianco sugli scaffali del supermercato. Come ricorda l’Archivio storico Barilla, fino ai primi anni Settanta la colazione dolce era considerata un pasto necessario per i bambini, ma solo un adulto su tre mangiava qualcosa di solido prima di uscire.

 

Grazie alla nuova formulazione dei suoi biscotti, più ricchi, genuini e gratificanti, e ad una comunicazione che ha toccato le emozioni degli italiani, Mulino Bianco ha allargato la fetta di persone che non si accontentavano di iniziare la giornata con una tazzina di caffè.

 

 

Dolce o salata, golosa o leggera, eco o social, slow o on the go, il pasto del mattino che unisce 9 italiani su 10 nasconde un “universo in movimento” di abitudini e stili di vita, e quello, parallelo, dei prodotti e accessori che lo caratterizzano.

 

Dove biscotti, frollini, marmellate, fette biscottate, brioche, ma anche tazze, tovaglie e altri oggetti, hanno di volta in volta consolidato ritualità o accompagnato il cambiamento.

 

Coccio e Biscotazza raccontano due approcci alla colazione all’italiana differenti ma complementari: da un lato una prima colazione tradizionale, slow, in casa e, se possibile, in compagnia. Dall’altro la colazione “on the go”, nuova tendenza di derivazione anglosassone sempre più diffusa anche nel nostro Paese.

 

Ideata per rispondere a questo nuovo approccio, la Biscotazza, si candida a “schiscetta” perfetta per portarsi dietro la colazione preferita.

 

Non rimane che iniziare la raccolta!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali