FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Usa, daino muore in un parco mentre Comune e governo decidono le sue sorti

Il Municipio voleva praticargli lʼeutanasia mentre il Dipartimento per la Conservazione ambientale voleva spostarlo in un habitat adatto

In un parco del quartiere di Harlem, New York, viveva da qualche giorno un piccolo daino. Il cucciolo, però, non ce l'ha fatta a sopravvivere  in un ambiente così piccolo ed è morto. L'animale era diventato oggetto di contesa tra il Comune e il Dipartimento per la Conservazione Ambientale: mentre uno proponeva l'eutanasia come segno di clemenza per le sofferenze che stava patendo, l'altro voleva spostarlo dal Jackie Robinson Park andando contro la legge che non permette il trasporto di animali selvatici.

Diventato il beniamino dei bambini della zona, l'animale era apparso nel cuore di New York: nessuno sapeva da dove veniva e come mai fosse stato abbandonato in uno spazio verde così piccolo. Purtroppo forse proprio la mancanza di libertà è stata fatale per l'animale, la cui sorte è stata resa nota su Twitter da Eric Phillips, portavoce del sindaco.

Il decesso dell'animale, però, sembra non porre fine alla guerra scatenatasi tra la città e il governo. "Abbiamo offerto di trasportare il cervo in un habitat adatto. Il Comune non ha accettato fino a poco prima di mezzogiorno, e quando siamo arrivati al parco, era morto, proprio mentre era sotto il controllo della città di New York ", ha detto il portavoce del Dipartimento di Conservazione ambientale, Sean Mahar.

Secondo i responsabili del parco e del Comune spostare l'animale avrebbe comportato stress e sofferenza così grandi da non giustificarne i benefici. Le responsabilità vengono scaricate da una parte all'altra mentre i cittadini insorgono su Twitter per quel piccolo daino, a cui ormai si erano affezionati.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali