FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Sardegna, tra la cucciolata di Labrador c'è un cane verde: si chiama Pistacchio

La prima reazione dei proprietari dellʼazienda agricola in cui è nato: "Ma la mamma ha partorito sullʼerba?"

Facebook

Sorpresa in un'azienda agricola di Palu ‘e Carru (Oschiri), in Sardegna. I proprietari dell'attività, Giannangelo Liperi e Cristian Mallocci, si sono ritrovati tra le braccia un cane con il pelo verde. Tra i quattro cuccioli di Labrador nati nell'azienda ce n'era, infatti, uno diverso dagli altri, che ha lasciato tutti senza parole. "Sembrava un cane alieno", ha commentato Mallocci.

E' proprio Cristian a raccontare cosa è successo. "Quando sono andato a vedere come stava la cagna - ha spiegato a La Nuova Sardegna - ho notato che aveva partorito ma uno dei cuccioli aveva un colore insolito: era verde. La prima debole supposizione è stata 'la cagna ha forse partorito sull’erba?'. Ma una volta preso il cuccioletto tra le mani abbiamo capito che era il colore del suo pelo, era davvero verde. Non credevamo ai nostri occhi". A quel punto hanno deciso di chiamarlo Pistacchio.

 

I due hanno poi cercato spiegazioni online. Lo strano colore dell'animale è dato dalla biliverdina, una sostanza che si mescola al liquido amniotico della mamma durante il parto e, solitamente, viene assunta dal cucciolo meno forte. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali