FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Primo ponte dʼestate, più di 350 cani abbandonati per strada

Dal 30 maggio al 2 giugno sono stati segnalati al telefono dellʼAidaa, associazione italiana difesa animali e ambiente, 361 quattrozampe rimasti senza padrone

Primo ponte d'estate, più di 350 cani abbandonati per strada

Con l'estate si ripresenta la piaga degli abbandoni degli animali di casa. Cani e gatti, durante le vacanze, vengono lasciati, come fossero pacchi, lungo le strade. E che il fenomeno non sia in calo lo testimoniano i numeri raccolti dall'Aidaa, associazione italiana difesa animali e ambiente, nel primo ponte di partenze. Dal 30 maggio al 2 giugno sono stati 361 i cani abbandonati da padroni senza cuore. Il maggior numero si è registrato in Puglia.

Dietro la Puglia, che detiene il triste record con 110 abbandoni, si posizionano Sicilia, con 54, Sardegna (51), Campania (44) ed Emilia Romagna (38). Basse, fortunatamente, le segnalazioni di animali vaganti provenienti da Umbria e Marche.

Solo nei primi tre mesi del 2015 4.300 amici a quattro zampe sono stati abbandonati da coloro di cui si fidavano ciecamente e con cui avevano condiviso giornate più o meno indimenticabili: meno di un terzodi essi è stato lasciato al canile, 700 in più rispetto allo stesso periodo del 2014.

Proprio il canile sarà la destinazione finale dei cani segnalati nelle strade d'Italia, una volta che verranno catturati. Per tanti di loro, però, arriva prima la morte, stritolati dalle ruote delle automobili in corsa, poco lontano da quel ciglio dove erano stati lasciati.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali