FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nuovo "Piano lupo": esclusi gli abbattimenti, previste 22 misure di gestione

Il nuovo programma del ministero dellʼAmbiente prevede regole che puntano "alla conservazione" dellʼanimale e a "minimizzare il suo impatto sulle attività dellʼuomo"

I lupi italiani possono stare tranquilli: il ministero dell'Ambiente ha infatti elaborato il nuovo "Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia" che non prevede più gli "abbattimenti controllati" che, contenuti nel precedente piano del 2017, avevano provocato polemiche e proteste. Escluse le uccisioni, vengono invece previste 22 misure che puntano "alla conservazione" del lupo e a "minimizzare il suo impatto sulle attività dell'uomo".

Esclusa la riapertura della caccia - Il precedente piano del 2017 aveva provocato accese discussioni e proteste di cittadini e ambientalisti tanto che poi il provvedimento era stato congelato nella Conferenza-Stato-Regioni. Esclusa, dunque, la riapertura della caccia, rimangono invece tutte le altre misure per permettere la convivenza fra lupi e bestiame.

Il nuovo piano - Il nuovo piano, che sostituisce quello in vigore del 2002 ed è stato consegnato alla Conferenza Stato-Regioni per l'approvazione, prevede 22 azioni che puntano "alla conservazione" della biodiversità ma anche a "minimizzare il suo impatto sulle attività dell'uomo". Fra gli interventi, a quanto si apprende, sono allo studio misure sperimentali sull'esempio di alcuni Paesi europei.

La presenza di lupi in Italia - Il documento di 55 pagine, redatto dopo consultazioni con Regioni, Province Autonome, Ispra e portatori di interesse, aggiorna al 2017-2018 la stima della distribuzione della popolazione di lupo sulle Alpi aumentata a 293 individui rispetto ai 100-130 indicati nel 2015 mentre sugli Appennini la stima è confermata in 1.580 animali in media con i valori compresi tra 1.070 e 2.472. In Italia, come ricorda il Piano, è presente circa il 9-10% della consistenza del lupo a livello europeo (tolta la Russia) e il 17-18% a livello comunitario. In sostanza, è quasi triplicata in tre anni la presenza dei lupi sulle Alpi. 

Più coinvolgimento per il ministero - Dal nuovo piano emerge che il ministero dell'Ambiente rafforza e allarga il proprio coinvolgimento: ad esempio sostiene il monitoraggio di questo predatore attraverso il supporto tecnico dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) in modo da avere dati più affidabili (in assenza di un censimento preciso) e punta a una maggiore informazione e comunicazione pubblica dell'impatto dei cani vaganti e degli ibridi lupo-cane sulla conservazione della specie. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali