FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lʼuomo e il lupo: in Italia è polemica, negli Usa il predatore diventa una risorsa

Nel nostro Paese ogni anno, secondo il Wwf, vengono uccisi almeno 300 lupi. Negli States, invece, aiuta i veterani a superare lo stress post traumatico

Il conflitto tra i lupi e l’uomo ha radici molto antiche. Ancora oggi in Italia questo animale selvatico viene spesso considerato un pericolo per il bestiame ed è sempre vivo il dibattito tra chi vorrebbe abbatterne almeno una parte e chi invece si oppone proponendo soluzioni alternative. Secondo le stime del Wwf in Italia ogni anno vengono uccisi circa 300 lupi per colpa di caccia illegale, trappole e bocconi avvelenati.

L’ultimo episodio il 28 aprile del 2017 a Suvereto, in Toscana: dei bracconieri hanno ucciso, scuoiato e appeso lungo la statale un esemplare di lupo. Sopra l’animale è stato anche attaccato il cartello: “No agli abbattimenti, sì alla prevenzione” ironizzando sul credo animalista. L’Aidaa, Associazione italiana difesa animali ed ambiente, non è rimasta però passiva e ha messo una taglia di 30 mila euro per tentare di consegnare alle autorità i responsabili del gesto criminale. Episodio di bracconaggio arrivato probabilmente in risposta al ritiro, da parte del Ministero dell’Ambiente, della proposta di abbattimento del 5% dei lupi italiani.

Secondo il Ministro Gian Luca Galletti che difende il provvedimento "il problema del lupo è ormai evidente. In certe zone la sua presenza è diventata un rischio per le attività agricole”. Per questo è stato ha avviato confronto con le Regioni sul cosiddetto “Piano lupo” che, tra le varie proposte per migliorare la situazione di greggi e allevatori, ha anche un emendamento che riguarda proprio l’abbattimento controllato. Secondo gli animalisti però, come dimostrano le esperienze di Svizzera e Germania, l’abbattimento non è una soluzione ma per risolvere il problema si deve lavorare sulla prevenzione con metodi come i cani da guardia e le recinzioni metalliche elettrificate, pratiche che oggi non vengono adottate in Italia a causa dei costi elevati.

Anche negli Usa esiste il problema dei lupi selvatici ma c’è qualcuno che ha avuto un’idea molto particolare: tentare di creare un contatto tra lupo e uomo per far sì che l'animale da un problema diventi una risorsa. In un centro di recupero a pochi chilometri da Los Angeles a prendersi cura di questi animali sono i veterani dell’esercito americano. Riccardo Ferraris, regista e videomaker italiano, ha deciso di raccontare in un documentario dal titolo “The War in Between” questo straordinario esperimento: “Da una parte ci sono i veterani dell’esercito dall’altra i lupi. In comune hanno il cosiddetto Post traumatic stress disorder che affligge i militari di ritorno dalla guerra e gli animali salvati dalla morte o dai maltrattamenti”. Questo programma di recupero, come racconta il regista, va oltre la tradizionale pet therapy: “E’ una cura simultanea dove l’uomo e l’animale hanno bisogno l’uno dell’altro per guarire”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali