FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Condannato ex giocatore del Liverpool: non diede la ricompensa promessa a chi trovò il cane smarrito

Daniel Sturridge dovrà versare 30mila dollari all'uomo che gli riportò il suo Lucci, rubato nel corso di una rapina in villa nel 2019

liverpool, Daniel Sturridge, cane
Tgcom24

L'ex stella del Liverpool Daniel Sturridge è stato condannato a pagare 30mila dollari a un uomo che trovò il suo cane smarrito nel 2019. Lo scrive il quotidiano Daily Mail. Sturridge, ora 32enne, aveva fatto un appello sui social media dopo che il suo amato volpino di Pomerania, di nome Lucci, era stato rubato nel corso di una rapina nella sua villa di Los Angeles nel luglio del 2019.

Il calciatore aveva promesso una ricompensa di 30mila dollari a chiunque avesse trovato il suo cane. Foster Washington, il musicista che glielo riconsegnò, però, non ricevette nulla dal calciatore.

 

Così ha intentato una causa contro l'atleta a maggio, affermando che Sturridge gli doveva i soldi della ricompensa. E il Tribunale di Los Angeles gli ha dato ragione.

 

 

Gli atti processuali mostrano che è stata emessa una sentenza in contumacia, il che significa che Sturridge non ha risposto alla denuncia. L'ex attaccante di Chelsea, Manchester City, Liverpool e Inghilterra, ora gioca per la squadra di A-League Perth Glory.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali