FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Colombia, cane abbandonato per un mese allʼaeroporto muore di crepacuore in attesa del suo padrone

Quando ha realizzato che il suo proprietario non sarebbe più arrivato ha iniziato a soffrire di depressione e ha smesso di mangiare

Colombia, cane abbandonato per un mese all'aeroporto muore di crepacuore in attesa del suo padrone

Abbandonato in aeroporto per più di un mese, ha aspettato che il suo padrone tornasse a prenderlo. Ma non è accaduto. Quando ha realizzato che il proprietario non sarebbe mai arrivato, ha iniziato a soffrire di depressione, ha smesso di mangiare ed è morto di crepacuore. È la storia di un cagnolino, ribattezzato “Nube Viajera”, “Nuvola viaggiatrice”, dallo staff dello scalo. È accaduto all'aeroporto internazionale Palonegro de Bucaramanga, in Colombia.

Nuvola ha conquistato tutti i passeggeri dello scalo che, invano, hanno provato a far mangiare il cucciolo. Inoltre, il veterinario che lo ha visitato ha provato a salvarlo, ad alimentare il piccolo viandante per via endovenosa. Ma la tristezza ha vinto sulle medicine.

“L’ipotesi è che un passeggero lo abbia abbandonato - ha dichiarato al Sun Alejandro Sotomonte Nino, veterinario della Colombian Animal Protection Foundation - Era chiaro, dal suo atteggiamento, che Nuvola cercasse qualcuno, il suo padrone sicuramente. L’attesa, però, lo ha ucciso”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali