FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Australia, cucciolo di balena cerca di salvare la madre bloccata in un banco di sabbia

Ha tentato per 40 minuti di spingerla in acque più profonde così da permetterle di liberarsi

Un cucciolo di balena è stato avvistato mentre cercava di salvare la madre spingendola per 40 minuti in acque più profonde. La megattera era infatti rimasta bloccata in un banco di sabbia e il figlio stava tentando di liberarla. E' successo in Austrialia, nella North Stradbroke Island, a circa 80km a est di Brisbane, nel Queensland. Dopo svariati tentativi, la balena è riuscita a liberarsi.

La sezione governativa del dipartimento dei parchi naturali, il Queensland Parks and Wildlife Services (QPWS), notando la situazione di difficoltà in cui si travava la megattera, aveva già mobilitato una squadra di uomini del personale da inviare per aiutarla. Ma gli sforzi del cucciolo hanno permesso alla balena di liberarsi prima che arrivassero.

"La megattera è stata capace di liberarsi da sola - ha affermato un membro del QPWS alla BBC - e poi entrambi gli animali hanno continuato a nuotare. Noi li abbiamo invece aiutati a passare dalle acque basse a quelle profonde con successo".

Le balene, in questo periodo dell'anno, sono molto presenti in Queensland, dove spesso partoriscono i loro cuccioli e li crescono prima di tornarte nelle acque dell'oceano Antartico".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali