FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Addio ai cani eroi, arriva il robot fiuta-superstiti in valanghe e terremoti

Ricercatori svizzeri hanno sviluppato un naso elettronico che rileva gas emessi dall’essere umano in ambienti chiusi

Addio ai cani eroi, arriva il robot fiuta-superstiti in valanghe e terremoti

Una notizia che turberà gli appassionati di Rex e tutti gli affezionati all’immagine del poliziotto o del volontario sempre accompagnato dal cane eroe che, in caso di valanghe e terremoti, arriva dove l’essere umano non riesce e compie miracolosi salvataggi. I prodi amici a quattro zampe tra qualche anno potrebbero essere sostituiti da droni o robot dotati di un “naso elettronico” capace di fiutare superstiti tra i resti di calamità naturali.

La scoperta, resa nota dalla rivista Analytical Chemistry, si deve a un gruppo di ricercatori del Politecnico di Zurigo, coordinati da Sotiris Pratsinis, che ha messo a punto una serie di sensori per riconoscere alcuni gas del metabolismo umano, come l'acetone e l'isoprene, emessi con il fiato, e l'ammoniaca, emanata dalla pelle. A questi sono stati poi aggiunti altri due sensori commerciali che riconoscono l'anidride carbonica e l'umidità.

La forza del dispositivo è proprio la precisa combinazione di questi sensori differenti, “perché - spiega il ricercatore Andreas Guntner - Le singole sostanze potrebbero derivare da fonti che non sono esseri umani. L'anidride carbonica, ad esempio, potrebbe venire anche da qualcosa che brucia”. Il prossimo obiettivo degli studiosi svizzeri è testare il naso, che è poco più grande di un chip del computer, in situazioni reali.

Se dovesse funzionare, potremmo davvero dire addio a pastori tedeschi o belga, grigioni, labrador o border collie – le razze più usate per i salvataggi – di cui da anni sentiamo parlare come eroi. Non ultimi i cani di Rigopiano che subito dopo le operazioni seguite alla valanga che ha colpito la struttura alberghiera abruzzese il 18 gennaio 2017, sono finiti al telegiornale, in diversi programmi televisivi e perfino al Quirinale ospiti di Sergio Mattarella. Curiosa, ma a quanto pare non così improbabile, l’idea che tra qualche anno il Presidente della Repubblica si possa ritrovare a stringere la mano, riconoscente, a un coraggioso androide.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali