FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Rosa Fumetta", la volpe ferita in un incendio e salvata diventa simbolo degli animali selvatici vittime dei roghi

La sua nuova "casa" è lʼacquario di Cala Gonone: il reinserimento in natura non sarà possibile a causa dei danni irreversibili alle zampe

Sono tanti gli animali selvatici vittime degli incendi. È successo anche a una piccola volpe, la cui storia, però, fortunatamente, si contraddistingue per il lieto fine. Infatti è stata curata e poi “adottata” dall’acquario di Cala Gonone, in Sardegna. “Rosa Fumetta” – il nome con cui è stata ribattezzata dalla struttura – diventerà simbolo e “testimonial di denuncia” di tutti gli animali selvatici vittime dei roghi boschivi che colpiscono l’isola.

"Rosa Fumetta", la piccola volpe salvata da un incendio e ora testimonial di denuncia

Il cucciolo di Vulpes Vulpes Ichnusae è stato affidato all’acquario dall’assessorato regionale, non solo perché la struttura è considerata idonea ad accogliere la piccola, ma anche per sensibilizzare i visitatori – che sono tanti – contro gli incendi. “Rosa Fumetta in questo acquario potrà diventare un messaggio forte, soprattutto per le nuove generazioni, sui danni delle fiamme e sui tanti animali che muoiono, bruciati vivi o asfissiati", ha affermato in merito la dirigente dell'assessorato Maria Ledda”.

“Rosa Fumetta” era stata soccorsa dal Corpo Forestale il 14 maggio scorso durante un incendio nelle campagne di Massama, a Oristano. Era stata poi ricoverata mella Clinica veterinaria Due Mari di Oristano per curare le gravi ustioni riportate soprattutto a zampe, labbra, naso, muso e palpebre. “È arrivata in clinica in condizioni drammatiche. Ci sono voluti tre mesi per rimetterla in sesto”, ha raccontato la dottoressa Monica Pais.

Sfortunatamente, la piccola volpe non può fare il reinserimento in natura a causa dei danni irreversibili alle zampe. Tuttavia, avrà a disposizione un suo ufficio interno presso la direzione dell'acquario, dove rimarrà libera per qualche tempo, e una suite esterna con vegetazione, laghetto e cuccia coibentata.

“La parte migliore di questo progetto è la coralità dei soggetti che hanno partecipato all'arrivo di Rosa qui: da Forestas, alla clinica veterinaria Due Mari, all'assessorato. La volpe diventerà quindi 'testimonial' di condanna contro la tragedia degli incendi boschivi, e potrà essere vista dalle numerose scolaresche che visitano la struttura”, ha affermato il direttore dell'acquario, Flavio Gagliardi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali