FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

In Irpinia un sacerdote ha creato la prima università dei videogiochi

Lʼidea è di don Patrizio Coppola, che ha sempre pensato che il gioco e lʼintrattenimento siano strumenti semplici, vicini ai giovani e, per questo motivo, efficaci

"Chi l'ha detto che i videogiochi sono dannosi?" A parlare è Don Patrizio Coppola, "cappellano rock", un prete che va in tv a parlare ai fedeli col sogno di modernizzare la Chiesa, anche grazie alla tecnologia. Don Patrizio, nato ad Avellino e tifoso sfegatato della Juventus, fin da bambino è stato un appassionato di calcio e videogiochi, tanto che ancora oggi confessa di giocare a Fifa con la sua PlayStation nelle pause della missione di evangelizzazione e carità cristiana che compie quotidianamente.

La rivoluzione tech di Don Patrizio Coppola

Lui, che vive la sua giornata tra i malati dell'ospedale di Solofra, in Irpinia, ha deciso di far incontrare le sue passioni - la religione e la tecnologia - per dare una possibilità ai tanti giovani che non riescono a trovare lavoro, fondando la prima università dei videogiochi. Idea che, realizzata da un parroco e non da un guru della Silicon Valley, risulta quantomeno singolare.

Ma da dove nasce questo progetto? "Sono un sacerdote semplice -afferma Don Patrizio-  nato e vissuto in una famiglia ricca di valori, e nella terra della cipolla ramata e delle pelli. Però ho sempre amato l'idea della cultura: un popolo può crescere solo se impara, se studia, e allora ho deciso di fare qualcosa anche io. Ho scelto i videogiochi perché li ho sempre visti come uno strumento semplice, vicino ai giovani, ma anche di possibile crescita. Non li demonizzo affatto, come fanno in tanti, il gioco e l'intrattenimento possono aiutare lo sviluppo intellettivo. Le faccio un esempio: mio nipote di sedici anni ha iniziato a giocare alla PlayStation, una sera lo sento parlare inglese perfettamente e gli chiedo dove l'abbia imparato. Beh, la risposta è stata 'giocando alla playstation' ".

Allora il Don si ingegna, parla, incontra, finché non fonda prima il Playmont Festival, una piccola rassegna dedicata ai bambini in cui si insegna a costruire i videogiochi, con lo scopo di regalare borse di studio a chi non può permetterselo. Il successo è immediato e il sacerdote vuole andare oltre. Vuole fare una scuola, anzi un'università, e fonda lo Iudav, Istituto Universitario Digitale Animazione e Videogioco, insieme a Riccardo Cangini, fondatore di Artematica, società di videogiochi e a Carlo Cuomo, tutor all'Università Sapienza di Roma.

Don Patrizio mette in piedi anche un piano di studi e nel 2013 inaugura il primo corso di comunicazione digitale in animazione e videogioco, assieme alla Link Campus University, a Pozzuoli. Ma non si ferma. Fonda la Vhei, Valletta Higher Education Institute che, grazie alla collaborazione e alla disponibilità di Evaristo Bartolo - ministro maltese dell'Educazione che sposa questo progetto unico ed innovativo - riesce a fare riconoscere il corso di laurea a livello europeo in Ars Digital indirizzo animazione e videogiochi.

"Oggi le professioni sono cambiate e i giovani devono essere competitivi. Un'università che insegni a costruire videogiochi è richiesta da molte aziende e, tra i ragazzi che si laureano quest'anno, il sessanta per cento sarà assunto con un contratto a tempo indeterminato. Questo mi rende molto felice. Abbiamo già centocinquanta iscrizioni per il prossimo anno. E da quest'anno lo IUDAV, campus italiano della VHEI, si sposta a Solofra, dove vivo io, in provincia di Avellino, per dare una chance anche al nostro territorio e ai giovani del sud", racconta Don Patrizio. 

E alla critica che gli viene mossa sulla violenza dei videogiochi, il Don risponde con la pacatezza che lo contraddistingue: "Ci sono anche dei giochi violenti, non voglio negarlo, ed è per questo che i ragazzi non vanno lasciati soli, ma è importante che le famiglie li seguano, sappiano a cosa giocano e li educhino al bene. Guardi, il mio sogno è di far diventare il catechismo della Chiesa cattolica un videogioco, in modo da rendere la conoscenza di Cristo e della dottrina sociale della Chiesa più vicina ai giovani". Ma non è tutto. Il prete-joystick, così ribattezzato da qualcuno, ha in progetto anche di portare le consolle dei videogiochi ai bambini malati dell'ospedale Pausillipon di Napoli, per regalare loro un po' di leggerezza e gioia. E chi lo ferma?

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali