FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Mediaset, nuova stagione con Gianni Morandi e Adriano Celentano. E torna la Gialappaʼs

Presentata lʼofferta televisiva della prossima stagione. Il cantante emiliano protagonista di una fiction, il Molleggiato di una serie animata. Aumentano le prime serate con serie e intrattenimento autoprodotti. Centrale la posizione di Tgcom24 per le news

Sarà una nuova stagione all'insegna di molti programmi "made in Mediaset" quella che partirà il prossimo autunno a Cologno. L'obiettivo è quello di portare da quattro a cinque le prime serate di ogni settimana con intrattenimento e fiction realizzati in casa, con uno sforzo che tende a privilegiare "produzioni italiane per il pubblico italiano". Lo ha rimarcato più volte Pier Silvio Berlusconi che, con il direttore generale dell'informazione Mauro Crippa, quello dei palinsesti Marco Paolini e quello dei contenuti Alessandro Salem, ha presentato la nuova offerta televisiva Mediaset per la stagione 2017/2018.

Tante novità, ma anche parecchie conferme, per Canale 5, Italia 1 e Rete 4, che anche nella stagione appena conclusa si sono confermate leader negli ascolti. In particolare Canale 5, "vera rete generalista in Italia", come ha affermato Paolini, è ancora il canale che domina gli ascolti, mentre Italia 1 continua a primeggiare nella fascia 15-44 anni.

Il rilancio delle fiction parte da Gianni Morandi, che in autunno sarà protagonista dell' "Isola di Pietro". "Rivendichiamo il fatto di aver inventato un modo di raccontare -ha affermato Salem- con serie come 'Elisa di Rivombrosa', 'I Cesaroni' e 'Distretto di polizia', che hanno esaurito la loro forza innovativa. Ora dobbiamo ridefinire un piano editoriale con nuovi team di autori e nuove produzioni, con un'attenzione all'impegno civile". Arriveranno "Rosy Abate", con Giulia Michelini e "Liberi sognatori", quattro film tv per raccontare altrettante figure eroiche della cronaca italiana con -tra gli altri- Giorgio Tirabassi, Cristiana Capotondi, Marco Bocci e Riccardo Scamarcio. In più la serie tratta dal film "Immaturi", diretta da Paolo Genovese che aveva portato al successo il titolo sul grande schermo.

Grande attesa per le tredici puntate di "Adrian", un lungo film d'animazione ideato e scritto da Adriano Celentano che si avvale della collaborazione di Milo Manara, gigante del fumetto e dell'illustrazione, di Nicola Piovani per le musiche, di Alessandro Baricco e di Vincenzo Cerami. "Adrian", frutto di quattro anni di intensa lavorazione, sarà trasmesso nel 2018, probabilmente a gennaio.

Arriva su Canale 5 anche "Scommettiamo", storico programma tv in una versione completamente rinnovata. Confermatissimi in prime time "Tu si que vales", "C'è posta per te" e "Amici". Maria De Filippi torna anche con "House party", pronta una nuova edizione del "Grande Fratello vip" con Ilary Blasy. Paolo Bonolis si presenterà con tre serate  di "Music" e con un altro ritorno, "Chi ha incastrato Peter Pan". Per il preserale annunciato "The Wall", format inedito condotto da Gerry Scotti. Annata speciale per "Striscia la Notizia", che la prossima stagione festeggerà la trentesima edizione. Maurizio Costanzo tonerà con "L'intervista" e con il "Maurizio Costanzo show".

Pier Silvio Berlusconi non nasconde i contatti con Fabio Fazio: "Abbiamo parlato con lui, ma non siamo neanche arrivati all'ipotesi di un accordo. Io ho sempre pensato che rimanesse in Rai e così è stato". E a proposito di Viale Mazzini, a chi gli chiede un commento sulla partecipazione di Maria De Filippi a Sanremo e di Paolo Bonolis al concerto di Vasco Rossi risponde di essere contento che la Rai, per i più grandi eventi che ha, debba chiamare degli artisti Mediaset. "E' un segno della nostra forza, non ci vedo niente di negativo", ha aggiunto.

Su Italia 1 esordiranno "Surviving Africa", un reality dove un gruppo vip dovrà sopravvivere -ovviamente- in Africa, e "Big show", quattro serate con la comicità di Andrea Pucci. Allo studio altri due programmi: uno con il rientrante Nicola Savino (che sarà anche tra i conduttori de "Le Iene"), e un altro con Paolo Bonolis. Conferme per "Colorado" e per le due sorprese della passata stagione "Gogglebox" ed "Emigratis".

Tra le novità di Retequattro "Madre mia", docufiction con Al Bano, una serie di documentari realizzati da Mediaset con Vincenzo Venuto e una nuova produzione ancora senza titolo fatta di inchieste, approfondimenti e reportage dedicati ai retroscena misteriosi dei più importanti fatti storici e d'attualità.

Crippa ha sottolineato l'importanza del sistema all news Tgcom24, la "casa naturale delle notizie" tra web, mobile, canale tv, breaking news sulle reti generaliste e sulle radio di Mediaset. Un sistema che, complessivamente, sommati i singoli device, raggiunge oltre 55 milioni di contatti al mese. Il Tg5 è leader per il pubblico tra i 15 e i 64 anni, Studio Aperto continua a essere una certezza per il target 15-34 anni, il Tg4 per gli over 55.

Dulcis in fundo, Pier Silvio Berlusconi ha annunciato altre tre importanti novità. La prima squisitamente televisiva, ossia il ritorno a Mediaset della Gialappa's Band, per la quale si sta studiando un nuovo format. Le altre riaguardano due acquisizioni: quella di Radio Subasio, emittente leader in Centro Italia, che entra così nella famiglia di Radio Mediaset, e quella del canale 20 del digitale terrestre, che offrirà serie tv.



 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali