FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Morto Ettore Scola, il cinema italiano perde uno dei suoi grandi maestri

Il regista aveva 84 anni. Tra i suoi capolavori "Cʼeravamo tanto amati" e "Una giornata particolare". Vinse il premio della regia a Cannes nel 1976 con "Brutti, sporchi e cattivi"QUALE Eʼ STATO IL SUO FILM PIUʼ BELLO? VOTA!DA GIANNINI ALLA SANDRELLI, IL RICORDO DEI COLLEGHI

Morto Ettore Scola, il cinema italiano perde uno dei suoi grandi maestri

Il cinema è in lutto per la morte di Ettore Scola. Il regista si è spento a 84 anni. Tra i suoi film più celebri "Una giornata particolare" e "C'eravamo tanto amati". Nel 1976 aveva vinto il premio per la miglior regia al Festival di Cannes con "Brutti, sporchi e cattivi".

Morto Ettore Scola, il cinema italiano perde uno dei suoi grandi maestri

Scola era nato a Trevico (Avellino) il 10 maggio 1931. E' morto a Roma, al reparto di cardiochirurgia del Policlinico: era in coma da domenica sera. Nella sua carriera oltre al premio ricevuto a Cannes Scola ha vinto 8 David di Donatello e ottenuto 4 candidature all'Oscar (purtroppo mai andate a buon fine) con i film "Una giornata particolare" (1978), "I nuovi mostri" (1979), "Ballando ballando" (1984) e "La famiglia" (1988).

E' stato un campione assoluto del miglior cinema italiano del secondo '900, un maestro che detestava i titoli altisonanti, che amava l'autoironia, ma che mai ha rinunciato ad essere in prima fila nelle grandi battaglie civili ed artistiche del paese. Da sempre impegnato nel sociale, ha, tra l'altro, fatto parte del governo ombra del Pci nel 1989 con delega ai Beni Culturali.

Negli anni 50 aveva cominciato a scrivere sceneggiature con Age e Scarpelli, per film come "Un americano a Roma" (1954), "La grande guerra" (1959) e "Crimen" (1960), per poi passare alla regia nel 1964 con con il film "Se permettete parliamo di donne", con Vittorio Gassman, Nino Manfredi e Marcello Mastroianni.

Ci saranno poi "Il commissario Pepe" (1969) con Tognazzi nei panni di un inedito commissario di polizia poco violento e per niente rozzo e "Dramma della gelosia - Tutti i particolari in cronaca" (1970), storia popolare firmata dallo stesso Scola insieme ad Age & Scarpelli, divertente, brillante, piena di ritmo fino all'amaro finale. Tra i suoi film più importanti, nel 1974, "C'eravamo tanto amati", le vicende di tre amici Vittorio Gassman (suo attore feticcio), Nino Manfredi e Stefano Satta Flores, tutti alla fine innamorati di Luciana (Stefania Sandrelli). Tra i suoi altri capolavori "Brutti, sporchi e cattivi" (1976) e "Una giornata particolare" (1977) con gli indimenticabili Sophia Loren e Marcello Mastroianni alle prese con un amore impossibile all'ombra del fascismo.

Il 1980 è l'anno de "La terrazza", crisi e bilanci di un gruppo di intellettuali idealisti. Ottanta anni di storia (1906-1986) racconta invece "La famiglia" (1987) sempre con Vittorio Gassman, Stefania Sandrelli e Fanny Ardant. Ultimo suo film nel 2013 il documentario dedicato a Fellini "Che strano chiamarsi Federico".

Il cordoglio di Matteo Renzi - Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha espresso profondo cordoglio per la morte di Ettore Scola "maestro dalla incredibile e acuta capacità di lettura dell'Italia, della società e dei suoi mutamenti, del sentimento del tempo, coscienza civile che lascia un enorme vuoto nella cultura italiana".

Franceschini: "Giovane fino all'ultimo"
- "Ci ha lasciato Ettore Scola. Un grande maestro, un uomo straordinario, giovane fino all'ultimo giorno della sua vita". E' il tweet del ministro dei Beni culturali e turismo Dario Franceschini.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali