FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

A Bologna lʼultimo concerto dei Pooh: una storia lunga 50 anni

Emozioni e qualche lacrima per lʼultima esibizione del gruppo. Oltre tre ore di musica per i fan in delirio

Unipol Arena di Bologna gremita per il saluto finale ai Pooh, che dopo 50 anni di successi - con milioni di dischi venduti e tanti prestigiosi riconoscimenti - hanno deciso di chiudere la carriera proprio nel capoluogo emiliano, dove era iniziata nel 1966. Una festa senza precedenti per quella che è stata definita "una canzone lunga una vita": per regalare, e regalarsi, l'abbraccio finale con i fans.

Lʼaddio dei Pooh: lʼultimo concerto a Bologna

Dopo avere scritto una parte rilevante della storia della musica italiana, Roby Facchinetti, Dodi Battaglia, Red Canzian, Stefano D'Orazio, Riccardo Fogli - con il pensiero rivolto a quel Valerio Negrini, fondatore del gruppo e poeta della maggior parte delle loro canzoni, troppo prematuramente scomparso - hanno dunque deciso di chiudere il cerchio ponendo fine alla loro carriera assieme. Ora ognuno partirà per un nuovo viaggio.

Pionieri nell'uso della tecnologia e della multimedialità, polistrumentisti, anche in questa occasione i Pooh hanno voluto stupire il loro pubblico: a differenza delle date precedenti, infatti, il concerto ha avuto anche un parterre in piedi, con una passerella centrale per essere ancora più vicini ai loro fans e un palco secondario per i momenti più acustici (In diretta nel vento, Stare senza di te, 50 primavere, Alessandra) oltre a numerosi nuovi effetti speciali immersi tra video proiezioni e giochi di luci.

Tre ore di musica - Nella scaletta della serata, tre ore circa di musica, insieme ai brani celeberrimi che hanno segnato la loro lunghissima carriera, il "gruppo dei cinque" ha aggiunto alcune canzoni meno conosciute scritte da Negrini: "questa sera anche lui voleva esserci, e c'è qui con noi. Le sue storie non moriranno mai", ha detto Roby Facchinetti. Tutte accolte con grande entusiasmo.

Serata trionfale, dunque, per quello che qualcuno ha sempre considerato un "gruppo per shampiste" e che invece è stato capace di rinnovarsi continuamente, spesso anche "rischiando di essere fuori moda" e di proporre temi scomodi per l'epoca, come il sociale, l'omosessualità e l'omofobia dei quali era proibito parlare: è il caso di Pierre, della quale è stato proposto anche un bellissimo e commovente video. "L'altra faccia della musica dei Pooh". Al termine standing ovation, lancio di coriandoli e un immenso "graaazie".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali