FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Inchiesta sui vaccini, i consulenti del pm di Trani:"Non causano lʼautismo"

Una coppia di Bari aveva denunciato lʼinsorgenza dellʼautismo sul figlio dopo il vaccino. I tecnici della procura smentiscono ma invitano i medici a essere più scrupolosi nel dare le informazioni

La Procura di Trani ha stabilito che non vi è correlazione tra l'autismo e la somministrazione del vaccino pediatrico trivalente non obbligatorio contro morbillo, parotite e rosolia. La denuncia fatta da una coppia di genitori va verso l'archiviazione. L'invito dei consulenti della procura, però, ad "essere più scrupolosi nell'anamnesi dei vaccinandi e nel dare informazioni accurate". E poi critiche alle linee Oms: "Non parlano dei rischi vaccini".

Casi di autismo anche tra non vaccinati - Gli accertamenti della Procura, che si sono basati anche su un'indagine epidemiologica compiuta in Puglia, hanno infatti stabilito che i casi di autismo hanno colpito anche bambini non sottoposti a vaccino Mpr (morbillo, parotite e rosolia). Per questo motivo il pm Michele Ruggiero sta per chiedere l'archiviazione dell'indagine per "lesioni personali gravissime" a carico di ignoti.

L'indagine era stata avviata dopo la denuncia di una coppia di genitori a nord di Bari che aveva prodotto la consulenza di parte del medico della Polizia di Stato Massimo Montinari. Quest'ultimo ha ritenuto di aver stabilito che l'autismo che aveva colpito i due bambini (che oggi hanno 14 e 9 anni) fosse dovuta ad insorgenza post-vaccinale. I bambini sono stati visitati dalla commissione medica nominata dal pm Ruggiero (della quale ha fatto parte anche il direttore del dipartimento malattie infettive dell'Iss Giovanni Rezza) che non ha condiviso la diagnosi di Montinari e ha escluso qualsiasi relazione (anche in termini di elevata probabilità) tra vaccino Mpr e autismo.

Niente esami ematochimici - Non c'è nessun test del sangue in grado di valutare il rischio di effetti collaterali legati alle vaccinazioni. A chiarirlo è stato lo stesso Giovanni Rezza. "Sono stato sempre contrario ai test vaccinali perché non esistono, io ho paura che si tratti di un refuso nella versione finale del rapporto perché io avevo chiesto di togliere qualsiasi riferimento ai test - ha affermato Rezza -. La cosa importante è che la sentenza si sia basata sulla realtà scientifica, che esclude la correlazione tra autismo e vaccini, dopodiché si dice di essere più scrupolosi nella anamnesi dei vaccinandi e nel dare informazioni accurate".

Linee guida Oms sicuramente inadeguate - Ma la consulenza nelle mani del pm di Trani si è spinta a criticare anche le linee guida internazionali definendole "inadeguate" visto che non rispettano il "Principio di precauzione". E' l'accusa rivolta all'Oms, Acip (Advisory committee on immunization practices) e AAfp (the American academy of family physicians) sulla sicurezza vaccinale. "Stupisce moltissimo - hanno scritto i consulenti - che l'Oms e gli autorevoli Acip e Aafp si limitino semplicemente a dire che i vaccini non dovrebbero essere usati se il paziente ha febbre alta o altri segni di malattia grave (...)".

"Oms spinge solo a fare vaccinazioni" - "L'Oms - hanno sottolineato sempre i consulenti - dimentica per esempio di consigliare una attenta e dettagliata raccolta anamnestica delle condizioni fisiologiche e patologiche del bambino, ma anche dei suoi familiari, unitamente ad una valutazione dell'ambiente in cui vive, su come viene alimentato e trattato e sulle caratteristiche psico-comportamentali dei genitori. A ciò si associa la frequente disattenzione sulle condizioni del bambino nei 40 giorni antecedenti l'inoculo vaccinale in relazione a comparsa di febbre, virosi, patologie esantematiche fruste, somministrazioni anche estemporanee di farmaci a qualunque livello immuno-interferenti quali, ad esempio, steroidi anche in formulazioni topica dermatologica, anche banali patologie, contratte in ambito scolastico o da nido materno". In pratica, si legge nella perizia, le linee guida "sembrerebbero finalizzate solo a promuovere le vaccinazioni pediatriche focalizzandosi semplicemente sulla loro utilità nell'evitare quella specifica patologia per cui il vaccino è stato preparato".

Lorenzin: "E' stato riconosciuto ciò che dice la scienza" - "Sono felice che finalmente la procura di Trani abbia preso atto di ciò che la comunità scientifica internazionale ripete da anni, e cioè che non c'è nessuna correlazione fra vaccini e autismo". Così il ministro della Salute Beatrice Lorenzin. "In ogni caso è opportuno che sia sempre la scienza ad avere la prima ed ultima parola", ha aggiunto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali