FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

I tablet "spengono" il cervello: la nostra attenzione come quella dei pesci rossi

Uno studio canadese rivela che lʼabitudine al multitasking ha abbassato la nostra capacità di concentrazione a 8 secondi, uno in meno rispetto al piccolo animale

I tablet "spengono" il cervello: la nostra attenzione come quella dei pesci rossi

Il pesce rosso, si sa, è da sempre emblema di breve e fallace memoria. Eppure la sua capacità di concentrazione sarebbe superiore a quella umana. Secondo uno studio condotto da Microsoft in Canada l'uso eccessivo e simultaneo di dispositivi elettronici come smartphone e tablet ha abbassato la nostra soglia di attenzione ad appena otto secondi, uno in meno rispetto a quella dei pesci rossi.

I tablet "spengono" il cervello: la nostra attenzione come quella dei pesci rossi

Persi 4 secondi in 15 anni - I test sono stati effettuati su un campione di 2mila intervistati e 112 soggetti canadesi che si sono sottoposti a elettroencefalogramma. I risultati evidenziano che nel giro di 15 anni il tempo medio di concentrazione di un uomo è sceso di quattro secondi, passando dai 12 del 2000 agli otto di oggi. La colpa sarebbe dell'abitudine al "multitasking" indotta da smartphone, dispositivi digitali e social network, che ci induce a passare da un'informazione all'altra talmente velocemente da non consentirci un'adeguata concentrazione.

Si tratta tuttavia di un "crollo" che si manifesta nel lungo termine e che, tutto sommato, ci consente di pensare e fare più cose nello stesso momento. La tendenza al multitasking permette inoltre di riuscire a catalogare e selezionare le informazioni in maniera più veloce rispetto al passato.

L'appetito (del cervello) vien mangiando - Ma a cosa è dovuto lo sviluppo di questa "info-mania"? Secondo gli studiosi dipenderebbe dal cervello, che una volta "nutrito" con una grande mole di stimoli, non può più farne a meno. E, anzi, ne vuole sempre di più, dando origine a una sorta di "ossessione" da smartphone che induce i soggetti a "ingozzarsi" di informazioni, provenienti in particolare dagli ambiti social.

Sempre attaccati al cellulare - Per analizzare al meglio questo fenomeno, i ricercatori Microsoft citano i risultati di un altro studio, effettuato dal National Center for Biotechnology e della National Library of Medicine degli Stati Uniti. I dati rivelano che il 79% dei soggetti presi in esame utilizza altri dispositivi mentre guarda la tv, mentre oltre il 50% controlla il cellulare ogni 30 minuti. Il 73% dei partecipanti allo studio tra i 18 e i 24 anni ha inoltre ammesso che guardare il telefonino è l'ultima cosa che fa prima di andare a dormire, contro il 18% dei soggetti over 65.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali