FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Sfollati del terremoto, nel dl fisco la norma "salva-nonna Peppina"

Lʼemendamento firmato dal governo permette lʼattività edilizia libera agli immobili edificati nelle aree senza titolo abilitativo senza lʼobbligo di rimozione

Sfollati del terremoto, nel dl fisco la norma "salva-nonna Peppina"

Il caso di nonna Peppina, la terremotata 95enne di San Martino di Fiastra (Macerata), diventata simbolo degli sfollati, avrà una soluzione. L'emendamento del governo al dl fiscale sul sisma, che riordina la legislazione in materia, consente infatti l'attività edilizia libera agli immobili costruiti nelle zone terremotate privi di titolo abilitativo, senza però l'obbligo di rimozione entro 90 giorni.

Sospensione più lunga per bollette e mutui e accelerazione della ricostruzione e soluzione al caso diventato famoso di "nonna Peppina". Sono alcune delle novità in arrivo per le aree colpite dal sisma del Centro Italia dello scorso anno, introdotte con un emendamento del governo al dl approvato in commissione Bilancio al Senato.

Nel corso dei lavori sono stati approvati anche alcuni subemendamenti: il termine ultimo per la presentazione delle schede Aedes (per il rilevamento dei danni, ndr) slitta a fine marzo 2018 e si prevede che a fare domanda per la regolarizzazione temporanea degli immobili realizzati in assenza di un titolo abilitativo oltre al proprietario possa essere anche "un parente entro il terzo grado". Le maglie si ampliano, includendo parenti fino al terzo grado anche per quanto riguarda le persone autorizzate ad abitare il nuovo edificio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali