FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Fake news e privacy, cala lʼuso dei social media

Soltanto il 23% degli utenti si fida delle notizie pubblicate su piattaforme e network, complice anche il "linguaggio tossico"

Fake news e privacy, cala l'uso dei social media

Diminuisce l'uso dei social media per la fruizione di notizie, complice la privacy, le fake news e il "linguaggio tossico". Lo riferisce il rapporto "Digital News Report 2018", secondo cui solo il 23% degli utenti si fida delle news pubblicate. Per la fruizione cresce invece l'impiego di piattaforme come WhatsApp, soprattutto tra i giovani. "La sfida per gli editori è assicurare che il giornalismo sia davvero di qualità", si legge nel report.

Lo studio, giunto alla settima edizione, è stato condotto su 74mila persone provenienti da 37 Paesi, tra cui l'Italia, dal Reuters Institute for the Study of Journalism e dall'Università di Oxford. Secondo i ricercatori, sono molte le nazioni in cui è precipitato il numero di persone che utilizzano Facebook per le notizie. Negli Stati Uniti, ad esempio, il calo percentuale rispetto al 2017 è di 20 punti tra i più giovani.

Allo stesso tempo, si assiste all'aumento della fruizione di news su piattaforme "alternative" come WhatsApp, Instagram e Snapchat: un trend, questo, già delineato nel corso del 2017. A contribuire al cambiamento, anche la mutazione dell'algoritmo di Facebook che da qualche mese privilegia i post di amici e parenti rispetto a notizie e brand.

Oltre la metà degli intervistati (54%) afferma di essere preoccupata che le notizie su internet siano "false". Il dato più alto si registra in Paesi come Brasile (85%), Spagna (69%) e Stati Uniti (64%), in cui "situazioni politiche polarizzate si combinano ad un uso elevato dei social media". La maggior parte degli intervistati ritiene che gli editori (75%) e le piattaforme (71%) abbiano le maggiori responsabilità per quanto riguarda le notizie false e inaffidabili, poiché molte delle news di cui si lamentano "si riferiscono a quelle diffuse dai grandi media piuttosto che quelle completamente inventate o messe in circolo da potenze straniere".

Il rapporto contiene anche informazioni economiche utili per il settore. Negli Stati del Nord Europa, ad esempio, si è assistito a un aumento significativo del pagamento delle notizie online, con la punta della Norvegia che raggiunge il 30% (+4% sull'anno). Sta inoltre emergendo la strategia alternativa delle donazioni diventata significativa in Spagna, Stati Uniti e Gran Bretagna.

"Il verdetto è chiaro: i lettori pensano che per alcune notizie valga la pena pagare, ma in gran parte non è così. La sfida per gli editori è ora assicurare che il giornalismo si distingua davvero, sia pertinente e di valore. per convincere le persone a donare o sottoscrivere abbonamenti", spiega Rasmus Kleis Nielsen, direttore della Ricerca presso il Reuters Institute for the Study of Journalism.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali