FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

"Hitler non si suicidò e dopo la guerra andò a vivere in Sudamerica"

Eʼ ciò che emerge da uno dei file desecretati della Cia. Il documento contiene la testimonianza di un agente dellʼagenzia di intelligence in Sud America: un amico fidato gli avrebbe detto che il führer era ancora vivo

"Hitler non si suicidò e dopo la guerra andò a vivere in Sudamerica"

Hitler non si sarebbe suicidato nel suo bunker, ma sarebbe sopravvissuto alla seconda guerra mondiale e nel dopoguerra sarebbe andato a vivere in Sud America. E' ciò che emerge da uno dei file desecretati dalla Cia e custoditi dagli Archivi Nazionali Usa. Inoltre a metà degli anni '50 sarebbe stato contattato in Colombia da un informatore dei servizi segreti americani.

Il documento si basa sulla testimonianza un agente di intelligence in Sud America, dal nome in codice Cimleody-3. L'agente in questione sarebbe stato contattato da un amico che gli avrebbe detto che nel 1955 un ex ufficiale tedesco, Phillip Citroen, avrebbe confessato in via confidenziale che Hitler era ancora vivo. A sostenere la tesi ci sarebbe anche una fotografia, arrivata nelle mani sempre dell'agente segreto e contenuta nel file desecretato. Nella didascalia c'è scritto: "Adolf Schrittelmayor, Tunga, Colombia, America del Sud, 1954". Nella foto con il presunto führer c'è una persona: dovrebbe essere Citroen.

La notizia che emerge dal file desecretato dalla Cia si basa dunque sulla dichiarazione di Phillip Citroen, comproprietario del Maracaibo Times, che ha detto che mentre si trovava Colombia avrebbe incontrato "un uomo che somigliava molto ad Adolf Hitler e aveva affermato di essere lui".

Secondo la versione ufficiale, invece, Hitler è morto nel suo bunker insieme alla sua amante, Eva Braun, che aveva sposato il giorno prima. Per anni i sovietici hanno sostenuto di essere in possesso dei resti di Hitler. Nel 2009 però uno scienziato americano, Nick Bellantoni, aveva studiato il frammento di teschio in possesso dei russi e secondo lui si trattava di una donna tra i 20 e i 40 anni e non di Hitler.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali