FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Milano, allʼasta la bellezza delle monete antiche provenienti da tutto il mondo

Dai modelli in oro di epoca romana, a quelli bizantini, dalle medaglie napoleoniche a quelle papali: esemplari rari e di grande valore

Milano, all'asta la bellezza delle monete antiche provenienti da tutto il mondo

Bellezza e storia si fondono nel magico mondo delle monete. Da quelle in oro di epoca romana, a quelle barbariche e bizzantine, passando per le medaglie napoleoniche e per arrivare fino a quelle papali. Al Four Season Hotel di Milano, il 10 novembre alle 14 vengono messi all'asta pezzi rari e di altissimo valore in un evento organizzato dalla Numismatica Varesi in collaborazione con Nomisma.

Il catalogo si apre con una selezione di 92 esemplari in oro di epoca romana, bizantina e barbarica che spaziano dai 60 assi anonimi con Marte e aquila su fulmine ad aurei, fra gli altri, a nome di Augusto, Claudio e Nerone. Da segnalare un raro Otone con ritratto e allegoria della Pace ed uno spettacolare Marco Aurelio con ritratto al dritto e figure dell’imperatore e di Lucio Vero che si stringono la mano al rovescio. Passando al III secolo, spicca un aureo di Probo con busto radiato e al rovescio la “Fides Militum” con due insegne mentre, per quanto riguarda il basso Impero, vasta è la selezione di solidi, histamenon nomisma e tetrarteron nomisma.

Milano, allʼasta monete antiche provenienti da tutto il mondo

Il secondo capitolo del catalogo è dedicato invece alle monete estere, con una piacevolissima scelta di dollari cinesi per il commercio coniati tra fine ‘800 e inizio ‘900 mentre, tornando nel Vecchio continente, sono da segnalare molte belle monete britanniche ed alcune rarità statunitensi. Tra queste, la sovrana di Giorgio IV del 1826 e il mezzo dollaro del 1862.

“Zecche e possedimenti italiani” rappresenta una delle sezioni più ricche dell’asta: è unica la medaglia in oro da 2 ducati per l’incoronazione di Carlo V, realizzata a Bologna, mentre è di estrema rarità la piastra fiorentina del 1575 con notevoli differenze rispetto al tipo comune che fa da “apripista” a numerose altri pezzi eccellenti della serie granducale. Per Genova spiccano le rarissime 50 lire oro del 1758, anche per l’eccezionale conservazione. Mantova risponde con un’altra grande rarità, le 3 lire del 1779 con bordo a fogliette recanti al dritto il ritratto di Maria Teresa e al rovescio lo stemma. Una stima ancor più elevata se la merita il reale di Carlo I d’Angiò proveniente da una vendita Ratto del 1953, una delle più significative monete del Meridione battuta nel medioevo. Magistrale esempio di arte rinascimentale, invece, la medaglia milanese per Carlo V opera di Leone Leoni commissionata dal Senato della città e battuta al modulo e al peso del quarto di scudo, per Mirandola spicca invece un rarissimo doppio ducato di Gianfrancesco II Pico (1499-1533) con busto corazzato al dritto e san Francesco che riceve le Stimmate al rovescio e un ducatone del 1618 di grande fascino ed estremamente raro.

Alcune interessanti monete e medaglie napoleoniche precedono un’altra significativa sezione, quella delle monete papali che si apre con un eccezionale grosso per Spoleto di papa Paolo II con armetta di Emiliano Orfini per proseguire con rarissimi giuli a nome di Leone X per Ancona e Parma, col mezzo scudo ossidionale per Clemente VII coniato a Castel Sant’Angelo durante il sacco del 1527 e con lo scudo d’oro per Ancona di Gregorio XIII, moneta di estrema rarità. Piastre, testoni e giuli, ma anche scudi e quadruple in oro scandiscono la selezione di esemplari pontifici qui proposta, che comprende sia monete coniate a Roma che nelle altre officine papali come Bologna, rappresentata in modo esemplare da un doppio zecchino di Benedetto XIV coniato nell’anno II di pontificato per la visita del Lambertini nella sua città.

Passando alle monete di Casa Savoia, di particolare ricchezza è la scelta di esemplari a partire dal regno di Vittorio Amedeo II (1713-1718),, a circa un secolo più tardi, al 1821 per l’esattezza, data una delle maggiori rarità del Regno di Sardegna, le 80 lire per Torino seguite da esemplari di Carlo Felice e Carlo Alberto. Per Vittorio Emanuele II come re eletto, ai lotti 484 e 485, figurano le 20 e le 10 lire bolognesi del 1860, entrambe di notevole rarità, come re d’Italia, invece, lo stesso sovrano è presente con le 100 lire del 1878 e le 50 lire del 1864 oltre che con altre decine di selezionale monete in oro e in argento.

Il catalogo si chiude con alcuni lotti multipli di monete papali e con la serie di diciannove volumi originali del “Corpus” con splendida legatura in mezza pelle beige e taglio superiore rosso.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali