FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Glifosato, lʼItalia verso il "no" allʼUe al rinnovo per 10 anni

La proposta verrà votata dagli Stati membri il 25 ottobre a Bruxelles

Glifosato, l'Italia verso il "no" all'Ue al rinnovo per 10 anni

L'Italia è orientata a bocciare la proposta di rinnovo di autorizzazione per 10 anni del glifosato, diserbante sotto accusa per possibili danni alla salute. Il 3 ottobre il ministro dell'Agricoltura, Maurizio Martina, si era detto contrario, e ora, dopo un confronto con il ministero della Salute, Roma potrebbe fare sua la posizione del ministro. Il voto dei Paesi Ue sulla proposta di rinnovo è previsto per il 25 ottobre.

E' dal 2015 che il rinnovo della licenza europea dell'erbicida più diffuso al mondo è oggetto di un'accesa disputa. L'ultima parola toccherà al Paff, il Comitato permanente su Piante, animali, cibi e mangimi.

Sembra che a sbloccare la situazione siano stati i segnali provenienti da Berlino, secondo i quali la Germania, finora considerata fra i probabili astenuti, potrebbe invece votare per il rinnovo dell'autorizzazione, rendendo così possibile (ma non ancora sicura) una maggioranza favorevole alla proposta dell'esecutivo comunitario.

All'ultima riunione del comitato, il 5 ottobre, dodici Stati membri si erano espressi a favore, quattro contro (Francia e Austria in maniera più netta, Italia e Lussemburgo orientativamente) e altri dodici, fra cui la Germania, non avevano espresso una posizione chiara.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali