FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Tim, governo autorizza golden power: deleghe a membro idoneo del Cda

Tutte le società del gruppo dovranno "fornire preventiva informazione in merito a ogni decisione che possa ridurre o cedere capacità tecnologiche, operative, industriali nelle attività strategiche"

Tim, governo autorizza golden power: deleghe a membro idoneo del Cda

Il golden power, cioè l'esercizio di poteri straordinari del governo in una società privata, è arrivato: il Cdm che ha varato la manovra ha anche approvato il decreto in materia della presidenza del Consiglio. E varrà sia per le controllate dirette Sparkle e Telsy, sia per l'intero gruppo Tim. Il governo impone di rilasciare la delega delle funzioni sulle attività rilevanti per la sicurezza a un componente del Cda che sia ritenuto idoneo dal governo.

La delega "dovrà comprendere la responsabilità di un'apposita unità organizzativa (organizzazione di sicurezza) preposta". E tutte le società dovranno poi "fornire preventiva informazione in merito a ogni decisione che possa ridurre o cedere capacità tecnologiche, operative, industriali nelle attività strategiche". Ora Tim ha 90 giorni per adeguarsi, mentre la conferma ufficiale di applicazione del golden power nel pomeriggio aveva fatto scivolare Tim in Borsa: il titolo, tra i peggiori della giornata, ha concluso in calo dell'1% a 0,76 euro, dopo aver toccato in corso di seduta i minimi da primavera.

Nella vicenda c'è anche un'altra novità, parallela a quella che tocca direttamente Tim e Vivendi, che ha il controllo di fatto del principale gruppo delle telecomunicazioni italiano: la sanzione per la mancata notifica di un'operazione sottoposta al golden power potrà ora arrivare fino al doppio del valore dell'operazione e comunque non dovrà essere inferiore all'1% del fatturato realizzato dalle imprese coinvolte.

Dal punto di vista operativo, secondo i primi analisti interpellati, per ora non cambia molto per Tim, e si tratta soprattutto dal varo di un principio di intervento da parte del governo. Ma sullo sfondo rimane la partita più complessa e cruciale, cioè la separazione delle rete Tim. La società sostiene da sempre che la questione non è in agenda, ma potrebbe essere tra gli argomenti al centro dell'incontro che si terrà verso il fine settimana tra l'amministratore delegato del gruppo Amos Genish e il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, tra i maggiori sostenitori dell'esercizio del golden power. Un progetto che, nel caso, potrà comunque essere concretamente realizzato solo dal prossimo esecutivo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali